Vincent Cassel scandaloso in un "momento di follia" parla di mafia e ama una teen - VIDEO

16 marzo 2016 ore 10:50, Micaela Del Monte
Uscirà nelle sale il prossimo 24 marzo la commedia sentimentale “Un momento di follia”, remake del film di Claude Berri del ’77 in cui Vincent Cassel interpreta un quarantenne che subisce il fascino della figlia 18enne del suo migliore amico.  Infatti Laurent, un 45/enne in vacanza in Corsica ospite del suo amico del cuore Antoine (Francois Cluzet) e di sua figlia 17enne Louna (Lola Le Lann) finisce per cadere tra le braccia di quest'ultilma per poi dover affrontare i sensi di colpa.

Entrambi alle prese con una precaria e confusa vita sentimentale, Antoine e Laurent sono amici da sempre. Un legame forte e duraturo che porta le loro rispettive figlie a diventare inseparabili. Louna e Marie, infatti, sono molto unite e non vedono l'ora di passare l'estate insieme. Ma sulle splendide coste della Corsica, Louna, che non ha ancora compiuto diciott'anni, inizia ad attaccarsi sempre di più al padre della sua amica - complice il temperamento giovanile e scherzoso di Laurent che smorza il rigore di Antoine, sempre piuttosto rigido con le due ragazze. 

Durante un'escursione pomeridiana, Louna comincia a lanciare sguardi e segnali ambigui a Laurent che, imbarazzato, finge di non capire. Ma gli atteggiamenti provocanti della ragazza si fanno sempre più espliciti fino a che una sera, mentre il padre tenta di flirtare con una giovane amante e la sua amica si sta scatenando sulla pista da ballo, Louna non perde tempo per tentare di sedurre Laurent. 
Sabotato il goffo approccio dell'uomo con un'altra donna, Louna riesce a convincerlo ad allontanarsi da soli con una serie di scuse. I due si ritrovano, così, da soli in spiaggia ed il tenero e folle entusiasmo della ragazza riesce a convincere Laurent a farsi un bagno di mezzanotte. È l'occasione perfetta per Louna per buttarsi fra le braccia dell'uomo di cui crede di essere innamorata. Laurent mantiene i nervi saldi e restio alle avance della ragazza che potrebbe essere sua figlia, alla fine cede alla tentazione. Ma se per lui è stato solo un attimo di follia, da quel momento in poi i continui flirt di Louna si fanno sempre più insistenti, tanto che Marie capisce immediatamente cosa è accaduto fra i due. 

Vincent Cassel scandaloso in un 'momento di follia' parla di mafia e ama una teen - VIDEO
Spaesato e scosso, Laurent non sa come recuperare il rapporto con la figlia che non prende affatto bene l'assurda avventura dei due. Nonostante la delusione e la rabbia, Marie non fa parola dell'accaduto con Antoine che, irritato, non capisce il perché della continua ostilità della ragazza - tanto che invita l'amico ad essere più severo con la figlia. Laurent, all'ennesimo approccio, quando Louna arriva ad infilarsi di nascosto nel suo letto, la rifiuta in malo modo confessandole che per lui non è stato altro che un attimo di confusione e che fra di loro non potrà mai esserci nulla. La ragazza, allora, corre in lacrime dal padre raccontandole tutto senza però fare il nome dell'uomo per cui sta soffrendo. Antoine, impazzito all'idea che un uomo della sua età possa aver avuto un flirt con la figlia minorenne, si rivolge a Laurent pregandolo di aiutarlo a scoprire l'identità di quest'uomo misterioso. Inizia così la ricerca dei due, fino a che...

''In questo film interpreto il ruolo del vigliacco come spesso ha interpretato Gassman, perché questa storia, più che una storia d'amore impossibile è una storia d'amicizia tradita. E' vero - ha spiegato Cassel intervistato da Repubblica- ci sono tante ragazze che a diciassette anni sono già donne di testa. Ed è altrettanto vero che ci sono ragazze di 18 anni che fanno la corte a maturi come me. In questo non ci trovo nulla di strano, in genere in questi casi la morale la fanno solo le donne vecchie''.

E dall'attore anche un attacco al doppiaggio del film ieri a Hollywood Party su Radiotre, dopo aver visto una clip in cui l'origine corsa del coprotagonista è a suo giudizio non è percepita. ''In Italia non si riesce a vedere un film in lingua originale, perché i doppiatori qui sono una mafia. Non capisco perché hanno tutto questo potere. Il doppiaggio è una cosa che esiste anche in Francia, ma i doppiatori non hanno lo stesso potere. Quando c'è un loro sciopero il cinema non si ferma. Comunque meglio il doppiaggio piuttosto che il film non esca proprio''.

A Cassel comunque una cosa come quella che è accaduta a Laurent non potrebbe però mai capitare. ' 'La figlia di un amico io neanche la guardo, o almeno tento. Non si tratta di età, ci sono donne di 18 anni totalmente mature, e io che ora ne ho quasi 50 sono solo quasi maturo''. Come padre, ha spiegato Cassel sono simile al personaggio di Laurent, ''sono aperto, una specie di papà-mamma. L'uomo di oggi ha una vicinanza con i bambini che i papà di una volta non avevano. Spero insomma che le mie figlie mi conosceranno meglio di quanto io abbia conosciuto il mio papà''.

Sul rapporto uomo-donna con grande differenza d'età, ha spiegato: ''è solo un problema biologico. Un uomo di 50 anni può avere un figlio con una donna di 18 anni, sono invece più scioccato quando capita il contrario, c'è qualcosa di contro-natura perché in questi casi conta l'orologio biologico''.

Se dovesse capitare all'ex compagno della Bellucci di scoprire che una delle figlie adolescenti si dovesse mettere con un cinquantenne? ''Non so cosa farei - ha detto -. A volte mi sono ritrovato a reagire in modo del tutto diverso di come mi sarei aspettato. Oggi a diciotto anni molte ragazze hanno la testa sulle spalle e, almeno in Francia, la donna se consenziente è libera di avere rapporti già all'età di 15 anni. Se in un caso del genere diventassi violento sarei solo un maschilista''.


caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]