(Super)Mercato di auto in Europa, nozze italo-americane Fca-Alfa Romeo funzionano

16 marzo 2016 ore 13:23, Luca Lippi
È tutto il mercato dell’automobile in Europa a tirare l’economia dell’area, a febbraio si sono registrate 1.056.902 immatricolazioni, il 14,3% in più rispetto al corrispondente mese del 2015. Si tratta del trentesimo rialzo consecutivo. Un ritmo in decisa accelerazione dopo il +6,2% di gennaio. A sostenere la crescita la performance dell'Italia, che ha segnato un aumento delle immatricolazioni del 27,3%, e un effetto di calendario positivo (con un febbraio più lungo in quest'anno bisestile). Sui primi due mesi del 2016, il mercato è cresciuto del 10,1%.
Quindi l’Italia fa meglio di tutti, è il secondo maggior mercato europeo, ed è ancora una volta Fiat Chrysler Automobiles (Fca) a guidare la riscossa. 

(Super)Mercato di auto in Europa, nozze italo-americane Fca-Alfa Romeo funzionano
Il gruppo italo-americano ha riportato poco meno di 81 mila registrazioni a febbraio, con una crescita del 22,4%. La quota di mercato, al 7,4%, è cresciuta rispetto a un anno fa di mezzo punto percentuale permettendo al gruppo di salire alquarto posto per vendite tra i costruttori in Europa. Considerando i primi due mesi dell'anno Fca ha riportato quasi 154mila le immatricolazioni, pari a +18,5%, e quota al 7%, +0,5% in confronto al 2015. A febbraio, oltre alla crescita registrata in Italia (+32,1% le vendite in un mercato cresciuto del 27,3%), Fca ha ottenuto volumi in crescita del 16,1% in Francia, nel Regno Unito (+8,2%), in Spagna (+5,6%) e in Germania (+2,2%).
Tutti i marchi Fiat Chrysler Automobiles hanno chiuso il mese con segno positivo: Fiat +24,4%, Jeep +23,9%, Lancia +15,9%, Alfa Romeo +8,6%. Panda e 500 sono state le city car più vendute in Europa (insieme hanno ottenuto una quota del 32% nel segmento A) e 500L è stata la più venduta del suo segmento, con il 29,3% di quota. Bene anche 500X e Renegade, stabilmente nelle posizioni di vertice del loro segmento. In forte crescita la Tipo, tra le top 5 del suo segmento in Italia, superando quota 22 mila ordini.
Alfa Romeo, oltre la performance positiva già elencata, deve ancora scontare l'arrivo sul mercato della berlina Alfa Romeo Giulia e delle nuove Giulietta e MiTo, il brand è quindi pronto a dare maggiore spinta sulle immatricolazioni a tutto il gruppo e quindi un valido motivo per credere che nel breve l’Italia possa avanzare ulteriormente nella rincorsa alla Germania.

I dati delle altre case automobilistiche: +13% per la Francia e +12% per la Germania. La Spagna, altro mercato importante, ha visto le immatricolazioni salire del 12,6% a febbraio. 
Tra i costruttori, la tedesca Volkswagen rimane il primo gruppo automobilistico europeo, ma il ritmo di crescita delle sue vendite (+4,4%), più debole della tendenza generale, si è tradotto in una perdita di quote di mercato in scia al Dieselgate: 23,9% contro il 25,3% del febbraio 2015. La giapponese Toyota, numero uno mondiale, ha immatricolato 44.800 auto nell'Ue (+11,5%). Le due francesi Peugeot-Citroen e Renault hanno segnato rispettivamente un aumento del 13,2% e del 10,1%.

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]