"Silvio non mi ferma": Parisi choc va al braccio di ferro con Berlusconi

16 novembre 2016 ore 12:09, Americo Mascarucci
"Parisi è andato oltre, da tempo gli dico di finirla con gli attacchi ai dirigenti di Forza Italia, il partito resta centrale".
Per la prima volta Silvio Berlusconi sconfessa pubblicamente quello che fino a ieri era da tutti considerato il suo pupillo.
Parisi indigesto alla Lega, non piace a Fratelli d'Italia, non va giù a gran parte del partito azzurro, come potrebbe essere lui il leader del centrodestra?
Berlusconi lo ha capito e sta frenando l'ex candidato sindaco di Milano che forse gli è sfuggito troppo di mano.
"Ha dimostrato di non essere un valore aggiunto - ammette sconsolato l'ex Cavaliere - ha portato pochi con se e non capisco questa sua voglia di rottamare. Parisi sta cercando di avere un ruolo all'interno del centrodestra ma avendo questo contrasto con Salvini non credo possa averlo".
Mano tesa dunque al leader del Carroccio e alla dirigenza forzista dopo che per settimane i media avevano accreditato l'idea di un Berlusconi grande regista di Parisi e della rottamazione. E dopo la vittoria di Trump in Usa Berlusconi si era affrettato a ribadire che il centrodestra italiano doveva essere a trazione moderata e non salviniana. Proprio come chiedeva Parisi.

'Silvio non mi ferma': Parisi choc va al braccio di ferro con Berlusconi
Ora invece la retromarcia.
Stefano Parisi non ha gradito e ospite a Porta a Porta non ha mancato di esternare il suo disappunto.
"Io passi indietro non ne faccio, vado avanti - ha detto - Mi sono preso la responsabilità di rappresentare un'area politica popolare che oggi nel paese ha la maggioranza. Io sono convinto che Berlusconi mi sosterrà. Berlusconi non mi molla, Non si fa guidare da Salvini", 
 Parisi si è richiamato alle parole con le quali l'ex presidente del Consiglio ha marcato la differenza tra destra e liberali e popolari, contenute in un'intervista di venerdì. 
"Poi - ha detto- non so cosa è accaduto tra venerdì ed oggi, ma so che bisogna essere stabili perché altrimenti si genera confusione e sconcerto, la gente non capisce e poi resta a casa quando si tratta di andare a votare".
Forse l'incontro di Berlusconi con Giovanni Toti ha sortito l'effetto sperato dal Governatore ligure, ovvero mettere la pietra tombale sulle aspirazioni di Parisi? 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]