Cricca cinese-italiana: 84 indagati a Prato per falsi permessi di soggiorno

16 novembre 2016 ore 12:09, Adriano Scianca
Hanno chiamato l'operazione "Colletti bianchi", perché a essere coinvolti sono professionisti, imprenditori e cittadini cinesi e italiani, la maggior parte dei quali residenti nella provincia di Prato, accusati di aver contribuito fraudolentemente al business dell'accoglienza. Nel maxi blitz della Guardia di Finanza sono circa 400 i militari  impegnati dall'alba nell'esecuzione di 34 misure cautelari personali, di cui 15 arresti - 3 in carcere, 12 ai domiciliari - e 19 misure interdittive, emesse dal gip di Prato. 

Cricca cinese-italiana: 84 indagati a Prato per falsi permessi di soggiorno


Complessivamente le persone indagate sono 84, 111 le perquisizioni in 5 regioni italiane: oltre alla Toscana, le fiamme gialle hanno eseguito controlli in Veneto, Lombardia, Campania e Marche. I reati contestati dalla procura pratese sono associazione a delinquere, induzione in errore dell'ufficio immigrazione, falsità ideologica nel rilascio di rinnovi di permessi di soggiorno ed immigrazione clandestina. Le tre persone finite in carcere sono un commercialista e un consulente del lavoro, entrambi italiani, e un cittadino cinese: due sono stati arrestati a Prato, il terzo in Veneto.  Secondo quanto si apprende i tre erano al vertice di un'organizzazione che forniva documentazione falsa, a partire dalle buste paga, grazie alla quale i cittadini immigrati, per la maggioranza cinesi, potevano richiedere e ottenere il permesso di soggiorno.

“Non devono esistere zone franche, i diritti dei lavoratori sono al centro della nostra politica ed è per questo oggi plaudo all’iniziativa della Procura di Prato e della Guardia di Finanza che con la loro attività di repressione ci consentono di lavorare meglio affinché emerga dall’illegalità il valore di un’economia sommersa che Irpet stima aggirarsi intorno al miliardo di euro l’anno”, ha detto il presidente della regione Toscana Enrico Rossi commentando a caldo la notizia.

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]