Alemanno e l'infinita trattativa con Fratelli d'Italia

16 settembre 2013 ore 13:01, Francesca Siciliano
Alemanno e l'infinita trattativa con Fratelli d'Italia
Il dialogo a destra continua, serrato. All'indomani di Atreju - la storica festa dei giovani della destra italiana che a inizio settembre si incontrano all'ombra del Colosseo - che ha consacrato la nascita di “Officina per l'Italia”, si continua a ragionare su una vera e propria Costituente di destra da lanciare in parallelo alla “nuova” Forza Italia del Cavaliere.
Sarà per questo che i contatti tra l'ex sindaco di Roma, Gianni Alemanno, e gli esponenti di Fdi sono costanti? Gli spifferi giunti stamani nella redazione di IntelligoNews rivelano che gli ex big di Alleanza nazionale (impegnati in questo restyling politico-culturale) stanno ragionando su una possibile entrata di Alemanno nella compagine di Fdi con un ruolo importante e di prestigio come quello di coordinatore o, addirittura, di portavoce. Le uniche resistenze, ad oggi, apparentemente sono quelle di Fabio Rampelli. Come aggirare, dunque, la botola della forca? Per il momento a far da pontiere tra l'ex sindaco e il “papà” politico di Giorgia Meloni, sembra essere proprio Ignazio La Russa che, forte del suo ruolo da “big” (in An prima, nel Pdl dopo, in FdI ora) potrebbe scalfire la granitica posizione di Rampelli e traghettare Alemanno nel suo nuovo partito. Comunque, almeno per un po', ci sarà da battagliare (e baccagliare) dal momento che sono tanti i partiti e le associazioni che si stanno stagliando all'orizzonte di questa Costituente di destra che dovrebbe essere varata nelle prossime settimane (al massimo, come vorrebbero Alemanno e Storace, entro il prossimo 12 ottobre). E intanto per le strade di Roma stanno comparendo manifesti, particolarmente evocativi, con il vecchio simbolo di Alleanza nazionale...  
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]