Bellezze distrutte di Palmira al Colosseo: alti monumenti in 3D

16 settembre 2016 ore 10:46, Americo Mascarucci
Il 6 ottobre, al Colosseo, alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, sarà inaugurata la mostra "Rinascere dalle distruzioni. Ebla, Nimrud, Palmira". 
Si tratta di un lavoro di ricostruzione, durato due anni, di tre importanti manufatti distrutti o danneggiati dalla furia iconoclasta dell'Isis: il Toro di Nimrud, la sala dell'archivio di Stato di Ebla e il soffitto del Tempio di Bel, a Palmira. 
Questi tre manufatti rivivono grazie all'uso delle più moderne tecnologie, come le stampanti 3D e al lavoro svolto da tre aziende italiane
Patrocinata dall'Unesco, l'esposizione 'Rinascere dalle distruzioni-Ebla, Nimrud, Palmira', è frutto dell'impegno dell'associazione Incontro di Civiltà, guidata da Francesco Rutelli, e del Comitato Scientifico presieduto dall'archeologo Paolo Matthiae.
Sky Arte Hd che è partner della mostra, curerà un documentario internazionale per presentare il progetto che andrà in onda in gennaio. 

Bellezze distrutte di Palmira al Colosseo: alti monumenti in 3D
Nell'intervento di presentazione, Rutelli ha sottolineato "il doppio scopo dei lavori: dimostrare la fattibilità  delle ricostruzioni, rese possibili sulla base di documentazioni, disegni, rilievi, analisi che derivano dal materiale disponibile; preparare il terreno alle ricostruzioni reali che dovranno essere realizzate dopo la conclusione dei conflitti".
"Non ci occupiamo delle pietre - ha aggiunto Rutelli- dimenticando le tragedie che hanno colpito e colpiscono le persone. Al contrario, non vogliamo che il brutale ritorno dell'iconoclastia in questo XXI secolo sia considerato un problema marginale, perché coinvolge i fondamenti della nostra civiltà comune, le persone che vengono espropriate della loro identità e, dunque, tutti noi"
"I lavori sono stati terminati - ha ricordato Rutelli - nei giorni in cui il Tribulane penale internazionale dell'Aja celebra il primo processo della storia contro il principale responsabile delle distruzioni e del saccheggio del patrimonio culturale islamico di Timbuctu per crimini contro l'umanita".

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]