Scoperto il “film” della guerra dell’organismo al virus dell'Epatite B

17 aprile 2015, intelligo
Scoperto il “film” della guerra dell’organismo al virus dell'Epatite B
Si muovono come i soldati di un esercito che setaccia il territorio alla ricerca del nemico da abbattare. Così i linfociti che circolano nel sangue procedono fino a quando si fermano nel capillari del fegato malato e lì ingaggiano la loro battaglia con le cellule colpite e già attaccate dal virus HBV. 

Il “percorso” e la “tattica” sono stati scoperti e osservati da un gruppo di ricercatori dell’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano: ed è la prima volta che il viaggio “in diretta” viene monitorato e sviluppato come fosse la sequenza di un film. Ancora una volta, è la tecnologia avanzata a sostenere lo studio dei ricercatori: è infatti grazie alla cosidetta “microspia intravitale” che è stato possibile visualizzare in presa diretta il movimento e l’azione delle singole cellule nei tessuti. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Cell.

Tra le scoperte dei ricercatori c’è il fatto che a ‘reclutare’ i linfociti che circolano nel sangue e a indirizzarli verso il punto dell’infezione, sono le piastrine che formano una sorta di ‘tappeto’ e bloccando i globuli bianchi. Una novità molto importante perché prima della scoperta, la comunità scientifica pensava che fossero alcune molecole proteiche a condurre questo tipo di operazione. 

L’aspetto fondamentale dello studio, per gli scienziati, è l’aver scoperto il meccanismo che consente di spiegare anche la tendenza maggiore nei pazienti con cirrosi epatica a sviluppare il tumore al fegato.

LuBi
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]