Serve tempo: la parola chiave. Ma Renzi ha l’incarico… con riserva

17 febbraio 2014 ore 13:17, Marta Moriconi
Serve tempo: la parola chiave. Ma Renzi ha l’incarico… con riserva
Alle 10,30 Matteo Renzi era al Quirinale per ricevere dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano l’incarico a formare il nuovo governo. Incarico che ha accettato, ma con riserva.
Il segretario Pd non era in smart, ma questa volta sfoggiava un’Alfa Giulietta bianca ed era con il capo ufficio stampa del Partito, Filippo Sensi. Tutto in discesa ora? Non si direbbe. Perché molti sono stati i “no” incassati da quelli che erano ritenuti -solo poche ore fa- possibili ministri del suo prossimo governo. E uno degli ultimi problemi, che sono andati ad aggiungersi ai precedenti, si chiama Angelino Alfano. Non sembra scontato il sostegno di Ncd all’esecutivo, anche perché in queste ore Alfano, sempre più stretto, quasi soffocato tra Berlusconi e Sel, sta facendo pesare il proprio ruolo, alla vecchia maniera democristiana. E’ un mistero anche il faccia a faccia che ci sarebbe stato tra i due. Nel frattempo Renzi ha accettato… con riserva.  
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]