Toscana in ginocchio per la meningite, dalla Regione un piano straordinario per i vaccini

17 febbraio 2016 ore 11:06, Americo Mascarucci
Toscana in ginocchio per la meningite, dalla Regione un piano straordinario per i vaccini
"Contro la meningite vaccineremo 1,5 milioni di toscani, ma credo che sia giusto anzitutto fare un appello ai cittadini alla calma, perché il fenomeno non giustifica che si parli di pandemia o di altro. Le nostre sono misure cautelari ancor prima che preventive". 
E' quanto dichiarato ieri dal presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, nell'ambito di una conferenza stampa convocata per illustrare gli atti approvati dalla Giunta regionale tra i quali appunto una delibera sulla meningite. 
"Al momento - ha continuato Rossi - non c'è stato un caso di infezione all'interno delle comunità frequentate da persone infettate. Questo vuol dire che tutte le misure di profilassi da parte della sanità regionale hanno funzionato perfettamente". 

Dunque fra le misure introdotte, la vaccinazione gratuita contro il meningococco C per tutti i residenti nell’Asl Toscana centro, a qualsiasi fascia di età appartengano. Poi la riduzione del ticket da 58,23 a 45,52 euro per gli over 45 che risiedono nelle altre due Asl, Toscana nord ovest e sud est e l' avvio dei protocolli di ricerca coordinati da Ars e Iss per lo studio dei casi e l’individuazione dei portatori sani. 
Queste le novità rilevanti contenute nella delibera approvata ieri dalla giunta, che va sotto il titolo "Prevenzione della diffusione del meningococco C in Toscana. Ulteriori interventi per la promozione della vaccinazione e per lo studio e l’analisi delle possibili cause". Per queste nuove misure è stata preventivata la cifra di 10.020.200 euro. 
"Come Regione Toscana – ha detto l’assessore alla salute Stefania Saccardi – abbiamo messo in campo tutte le misure, le energie e le risorse necessarie per far fronte a questa che, ripeto ancora una volta, non è un’epidemia, ma comunque una situazione straordinaria. Tutti i cittadini che lo vorranno potranno vaccinarsi, in questa settimana sono in arrivo 350.000 dosi di vaccino. Ancora una volta chiedo la collaborazione di medici di famiglia e pediatri". 

Fin dai primi mesi del 2015 si e' registrato in Toscana un significativo aumento di casi di meningite da meningococco C, che ha interessato soprattutto l'area nord della regione, in particolare la Asl Toscana centro, dove risulta concentrato più del 70% delle segnalazioni dall'inizio del 2015, con casi anche nelle fasce di età più adulta. Ad oggi sono 12 i casi di meningite che si sono verificati in Toscana nel 2016: 10 da meningococco C, 1 da meningococco B, 1 W. Nel 2015 si sono registrati 38 casi: 31 ceppo C, 5 ceppo B, 1 ceppo W, 1 non tipizzato. Le morti dall'inizio del 2015 sono 10: 9 riconducibili al gruppo C 1 al gruppo B.
Nella riunione di giunta è stato anche confermato che per la vaccinazione del personale sanitario verranno seguiti gli stessi criteri della popolazione generale, dando la gratuità e la priorità agli operatori sotto i 45 anni, fascia di età considerata più a rischio.
Proseguono normalmente (indipendentemente quindi dalla campagna straordinaria) le vaccinazioni gratuite contro il meningococco C previste dal calendario vaccinale: e cioè la vaccinazione routinaria per i nuovi nati; la vaccinazione per i soggetti a rischio individuati nel calendario vaccinale; la vaccinazione a tutti i ragazzi di età compresa tra 11 e 20 anni (ovvero dagli 11 anni compiuti al compimento del 20° anno di età), anche se mai vaccinati o già vaccinati nell'infanzia.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]