Rivoluzione Bergoglio: non mancano le sorprese

17 gennaio 2014 ore 11:08, Americo Mascarucci
Rivoluzione Bergoglio: non mancano le sorprese
La nomina a cardinale dell’arcivescovo di Perugia Gualtiero Bassetti era nell’aria da tempo, così come restano alte le probabilità che possa presto succedere ad Angelo Bagnasco alla guida della Cei. Sicuramente meno scontata era invece l’esclusione dal concistoro di febbraio del Patriarca di Venezia Francesco Moraglia. Non soltanto perché Venezia è tradizionalmente una sede cardinalizia (da qui sono partiti ben tre papi, San Pio X, Giovanni XXIII e Giovanni Paolo I) ma perché Moraglia risultava fra i favoriti di papa Francesco. Si tratta infatti di un vescovo schierato in prima linea sui temi cari all’attuale pontefice: sostenitore convinto della dottrina sociale della Chiesa e della centralità del lavoro come strumento di dignità dell’essere umano e fondamento della famiglia. Un concetto questo che è stato più volte ribadito attraverso numerose lettere pastorali con le quali Moraglia ha invitato le istituzioni ad attivarsi concretamente per favorire lo sviluppo dell’occupazione.
Rivoluzione Bergoglio: non mancano le sorprese
Rivoluzione Bergoglio: non mancano le sorprese
Anche nel campo dell’assistenza verso i poveri Moraglia si è dimostrato totalmente in sintonia con Francesco. Ha accolto a braccia aperte ed ospiti nella diocesi i profughi di Lampedusa, ha liberato diversi edifici di proprietà del patriarcato per realizzarvi centri d’accoglienza, mense per i poveri, ostelli per i senza tetto ed i diseredati. Un autentico pastore di anime, uno che in perfetto spirito bergogliano ha sempre preferito le periferie ai palazzi del potere. Verso i potenti non è stato mai particolarmente accondiscendente, anzi si è fatto spesso portavoce di proteste anche dure sia in campo sociale che educativo, rivendicando a gran voce il diritto delle scuole cattoliche di educare i ragazzi con il sostegno dello Stato. Eppure Moraglia non sarà cardinale e questa notizia ha lasciato l’amaro in bocca a parecchi. Francesco del resto è imprevedibile nelle sue mosse e non è detto che per il patriarca di Venezia non abbia in mente altri e diversi progetti realizzabili in un secondo tempo. Secondo qualcuno a sfavore di Moraglia potrebbe aver giocato la sua vicinanza ai settori più tradizionalisti e conservatori della Curia. L’ex vescovo di La Spezia è stato in gioventù molto vicino al cardinale Giuseppe Siri, l’arcivescovo di Genova anima e simbolo della Chiesa anti conciliare; la sua nomina a patriarca di Venezia da parte di Benedetto XVI, fu sponsorizzata dall’ex segretario di stato Tarcisio Bertone, dal precedente patriarca di Venezia oggi arcivescovo di Milano Angelo Scola e dall’arcivescovo di Bologna Carlo Caffarra tre eminenti personalità del “partito conservatore” interno alla Chiesa. Chiacchiere ovviamente, indiscrezioni non suffragate da riscontri reali, ma che inevitabilmente hanno trovato amplificazione proprio in virtù di un’esclusione che sembrava impossibile. Se si considera che la porpora cardinalizia non toccherà nemmeno all’arcivescovo di Torino Cesare Nosiglia, altra personalità ritenuta vicina agli ambienti conservatori, il sospetto che la politica possa aver pesato nelle scelte, secondo molti non sarebbe del tutto infondato.Anzi, per i settori più tradizionalisti del mondo cattolico, le esclusioni eccellenti di cui sopra sarebbero la dimostrazione più evidente di quanto le correnti progressiste abbiano ormai preso il sopravvento in Vaticano, condizionando le scelte papali. Per quanto riguarda l’arcivescovo di Perugia nessuna sorpresa, visto che di lui si è parlato spesso negli ultimi tempi come probabile futuro presidente della Cei. Francesco poco prima di Natale lo aveva infatti nominato componente della Congregazione dei Vescovi in sostituzione proprio del cardinale Bagnasco. Bassetti dovrebbe essere il primo presidente Cei ad essere eletto direttamente dall’assemblea e allo stato attuale sembrerebbe il candidato capace di raccogliere il maggior consenso fra i vescovi italiani. Sarà davvero così?
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]