Brexit tra effetto Cox, mercati, bookmakers e sondaggi

17 giugno 2016 ore 22:35, Luca Lippi
Ormai da giorni non si parla d’altro che del Brexit, e così sarà fino al 23 giugno, anlizzate le coseguenze politiche, economiche, finanziarie, non rimane che dare uno sguardo anche alle quote degli allibratori (l’Inghilterra è la paria delle scommesse) e dare un occhio anche agli ultimi sondaggi senza ignorare che più si avvicina la data e meno sono precisi.
Dopo l'omicidio di Jo Cox avvenuto ieri, la deputata laburista attivista sul fronte della permanenza della Gran Bretagna nell'Unione europea, sembrano essersi allentati i timori di una Brexit, va a capire perché!
Pare che gli investitori vedono allontanarsi la possibilità di un'uscita del Paese anglosassone dall'UE e immediata è la reazione dei mercati. Le Borse risalgono la china, l'euro recupera nei confronti del dollaro e torna qualche acquisto anche sul petrolio dopo il netto calo di ieri.
Da qui, comunque a leggere come un segnale quello che in realtà è solo un rimbalzo sarebbe troppo, aspettiamo martedì e vediamo quale sarà la reale tendenza non appena gli speculatori avranno finito di spennare gli investitori da tastiera.
In realtà, come è tradizione inglese, qualora dovesse verificarsi il Brexit sarebbe comunque un divorzio freddo e ordinato, gli eventuali scossoni arriverebbero soalamente dall’isteria dei burocrati europei, un po’ non proprio capaci, e un po’ anche permalosi, tutte qualità che allontanano dalla figura del politico di professione e vocazione. 

Brexit tra effetto Cox, mercati, bookmakers e sondaggi

Brexit: i bookmakers sembrano ormai gli unici a scommettere sulla permanenza della Gran Bretagna nell’Unione Europea a pochi giorni dal referendum del 23 giugno, dal quale dipenderanno le sorti del sempre più ammaccato sogno europeo.
Davanti all’irresistibile ascesa del fronte del leave segnalata dagli ultimi, preoccupanti sondaggi, gli allibratori non si scompongono e continuano imperterriti a non credere all’ipotesi di un divorzio tra il Regno Unito e la Ue, puntando su eventuali ripensamenti dell’ultimo minuto, come dimostrano le ultime quote (che nel sistema inglese sono espresse in frazioni).
Le quote: PaddyPower.it quota la Brexit a 2,40, mentre il remain è l’ipotesi favorita in lavagna a 1,48 (le puntate erano rispettivamente 2,32 contro 1,52). Simili le cifre fornite da Snai e Eurobet. La prima quota la permanenza nella Ue a 1,50 e il divorzio a 2,40; la seconda da il No a 1,60 e il Sì a 2,18.
Interessante poi notare i dati forniti da Graham Sharpe, portavoce di William Hill, la più grande agenzia di scommesse del Regno Unito. Sharpe dice infatti che il 71% degli scommettitori è per la Brexit, mentre il 73% del denaro è contro l’addio alla Ue.
Che cosa vuol dire? In buona sostanza sono i piccoli scommettitori a fidarsi dei sondaggi che danno il Sì in netto vantaggio.
Invece, la minoranza che mette più soldi - composta da grandi gruppi di professionisti - non crede all’ipotesi Brexit e decide di scommettere per il remain, confermando quella voce secondo cui hedge funds e banche di investimenti avrebbero commissionato sondaggi riservati più affidabili (e assai più costosi: secondo il Financial Times questo tipo di rilevazioni costa circa 640mila euro), per i quali a prevalere sarà il No (com’era già accaduto per il referendum scozzese sulla permanenza nel Regno Unito).
Intanto le puntate crescono e le betting company raccolgono milioni di sterline: William Hill si aspetta per il 23 giugno un totale di scommesse pari a più di 20 milioni di sterline.
Notevoli anche i volumi su Betfair.com. Fino alle ore 12 del 10 giugno erano stati scambiati 28,7 milioni di euro: di questi, 22,1 milioni sono stati abbinati sulla permanenza del Regno Unito nella Ue.
I sondaggi:
Opinium Poll commissionato dal Bruges Group, think tank favorevole alla Brexit, dà il Sì al 55% contro il 33% dei No. Anche l’ultimo sondaggio del Guardian dà il leave a 53 contro 47, quello dell’Independent a 55 contro 45, quello del Telegraph a 49 contro 48, mentre per quello del Times il Sì vince 46 a 39.

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]