Canone Rai, tempo scaduto per l’esenzione: mosse per evitare la 2° rata

17 maggio 2016 ore 10:13, Luca Lippi
Non c’è più tempo per non pagare il canone rai in bolletta, è scaduto proprio ieri il termine ultimo, peraltro già prorogato, per richiedere l’esenzione e inviare l’autocertificazione nelle modalità più volte elencate sulle nostre pagini.
Dunque la domanda che da oggi corre nelle menti di smemorati e martiri del tempo scaduto è quello di conoscere al più presto se c’è una via di “salvezza”. Ebbene sì, esiste, è possibile riparare parzialmente al danno entro il 30 giugno 2016, attenzione ai termini e alle caratteristiche dell’esenzione.

Canone Rai, tempo scaduto per l’esenzione: mosse per evitare la 2° rata

Autocertificazione da inviare fine giugno: con l’autocertificazione da inoltrare entro fine giugno si può ottenere l’esenzione del canone Rai 2016 per la sola seconda rata. In buona sostanza la rata che passa nella bolletta dell’energia elettrica di luglio si paga eccome, si può evitare con l’invio fuori dei termini previsti, e quindi il secondo invio di autocertificazione in scadenza entro il 30 giugno, solamente la seconda rata. 
Per tutti gli invii di autocertificazione dopo il 30 giugno: si possono inoltrare senza alcun problema ma faranno riferimento all’esenzione per l’anno 2017 (per il quale il termine ultimo sarà il 31 gennaio 2017).
Ricordiamo che l’esenzione da richiedere tramite autocertificazione, ha validità solamente per un anno e che deve essere riformulata e inoltrata ogni anno per poter accedere al beneficio per l’anno a venire. Nel caso in cui per il 2017 il contribuente si dimentichi di inviarla, si presume nuovamente la detenzione della tv, con il conseguente addebito del canone Rai nella bolletta della luce.

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]