Fassina torna in campo, ricorso accolto. Cosa disse in caso di ballottaggio sulla Raggi

17 maggio 2016 ore 12:31, intelligo
di Luciana Palmacci. 

Finalmente si potrà dare voce ai tanti elettori che non si sentono rappresentati dagli altri candidati” ha detto soddisfatto Stefano Fassina che ha visto accolto il suo ricorso contro la sentenza con la quale il Tar del Lazio aveva escluso la lista “Sinistra per Roma-Fassina Sindaco” a suo sostegno dalle prossime elezioni amministrative per il Comune di Roma. 
Fassina torna in campo, ricorso accolto. Cosa disse in caso di ballottaggio sulla Raggi
Molti sostenitori di Fassina, o della sua area, si stavano preparando a rinunciare al voto non trovando alcuna candidatura accettabile; alcuni sarebbero potuto tornare sui propri passi verso Giachetti e altri avrebbero potuto scegliere la Raggi. Tutto questo mentre il Pd guardava di buon occhio ai voti in libera uscita della sinistra e ora è deluso perché già pregustava un possibile accordo con gli esponenti romani di Sel, ora rinviato solo al ballottaggio, come ha confermato lo stesso Giachetti con un tweet: “Contento per Stefano e i suoi elettori. Andiamo avanti, convinti che il popolo di centrosinistra sarà unito al ballottaggio”. Dall'altra parte, a tirare un sospiro di sollievo Alfio Marchini (che si è visto riammettere anche la lista di Rete Liberale). 

Fatto sta che la notizia rimescola le carte del voto e cambia le strategie dei principali candidati che puntano al ballottaggio. Per Fassina “Roma ha bisogno di essere amministrata da una giunta di sinistra. Di una sinistra vera, che senza la nostra presenza non sarebbe stata in alcun modo rappresentata”, ma stando a un’intervista rilasciata a IntelligoNews, in caso di ballottaggio, una volta accennò di un possibile appoggio alla Raggi: “A novembre scorso, in riferimento al quadro nazionale avevo detto, allora, che non avrei escluso la possibilità”.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]