Contro il razzismo ci si tinge d'arancio. Torna "sulle scene" l'Unar

17 marzo 2014 ore 13:15, Marta Moriconi
Contro il razzismo ci si tinge d'arancio. Torna 'sulle scene' l'Unar
L'Unar è "diventata famosa" per le polemiche sulle sue linee guida in tema di diritti LGBT. Ma finalmente è arrivato il momento di parlare d'altro. Da oggi al 23 marzo è infatti la Settimana di azione contro il razzismo e prende il via la tradizionale campagna di sensibilizzazione, alla sua decima edizione, dell'Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali del dipartimento per le Pari opportunità della presidenza del Consiglio dei ministri, Unar appunto. L'iniziativa viene organizzata in occasione della Giornata mondiale per l'eliminazione delle discriminazioni razziali che si celebra in tutto il mondo il 21 marzo. E poiché la ricorrenza fa "cifra tonda", con la collaborazione dell'Anci e del Miur, l'Ufficio ha chiesto ai Comuni, alle scuole, ai cittadini, un semplice gesto da compiere durante il 21 marzo: colorare di arancione la ''propria città, la propria scuola'' o realizzare momenti di incontro e di riflessione sui temi della prevenzione della discriminazione razziale e della tutela dei diritti umani. Va detto che la  scelta di tingere l'iniziativa all'insegna di questo colore ricorda tanto quella rivoluzione arancione del movimento di protesta sorto in Ucraina all'indomani delle elezioni presidenziali del 21 novembre 2004. E in un momento come questo assume sicuramente un valore altamente simbolico ancora più forte, in quanto divenuto il tratto distintivo di moti pacifici, non violenti ma "di azione". Passando alla descrizione di quanto organizzato, nella nota diffusa a spiegazione del progetto si avverte che numerose sono state le adesioni: 150 comuni e moltissime scuole. Ecco solo un assaggio delle giornate. Torino e Napoli hanno annunciato che illumineranno simbolicamente di arancione, rispettivamente, la Mole Antonelliana ed il Maschio Angioino. Stessa iniziativa a Piacenza e a Monserrato, mentre tantissimi edifici, piazze, biblioteche di comuni, grandi e piccoli, esporranno striscioni, bandiere o drappi arancioni da Nord a Sud, da Treviso a Monteroni di Lecce. Roma invece gli dedica due convegni: ''I costi economici della discriminazione'' e ''Raccontare l'Italia che cambia con le migrazioni'', quest'ultimo alla Camera, coordinato dall'onorevole, Khalid Chaouki. Ma non solo l'Italia si mobilita, l'Europa scende in Piemonte. Il 21 marzo, Giornata contro il razzismo, ci sarà una grande iniziativa pubblica a Torino infatti, presso il Palazzo dei Senatori del Comune, con il convegno ''Il razzismo in Europa e in Italia'', con la presentazione dello Shadow Report 2013 dell'Enar, a cui parteciperanno anche Martin Schulz, l'ex ministro Cecile Kyenge Kashetu e il direttore della Stampa Mario Calabresi.  E non mancherà la comicità, con il comico di Zelig Salvatore Marino che presenterà lo spettacolo ''Abbronzato più o meno Integrato'' Poi preparatevi sui socialnetwork a condividere il vostro pensiero con i tag #unar #noalrazzismo #coloradiarancione. Se siete dei fotografi, invece, potete partecipare al concorso fotografico Istagram italia ''Colora di arancione il tuo istagram''. Tutte le iniziative sono descritte sul sito dell' Unar.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]