Regioni, Chiamparino a caccia di 70mln

17 novembre 2015 ore 12:03, Luca Lippi
Regioni, Chiamparino a caccia di 70mln
Quando non si riesce a chiudere o far quadrare il bilancio regionale è inevitabile che si debba tirare la coperta che inevitabilmente si rivela corta. Le trattative corrono sul bollo auto per le auto ecologiche e sulle dismissioni del patrimonio immobiliare della Regione Piemonte, tuttavia nel dibattito interno al Pd regionale emerge la volontà di evitare massacri a danno dei contribuenti.

È la replica del 2015, forse anche peggio, ma Chiamparino cerca di salvare il salvabile senza ricorrere a tagli lineari, è quanto assicura l’assessore al bilancio della Regione Piemonte Aldo Reschignia: “faremo scelte politiche da condividere all’interno della giunta e con la maggioranza”. Mancano all’appello circa 70 milioni di euro, e Chiamparino sta cercandoli adottando la tecnica del tagli della spesa e aumentando la leva solamente per quanto riguarda il bollo delle auto ecologiche (da qualche parte bisogna pur pescare). 

Il recupero di liquidità rientra nell’esigenza della regione Piemonte di ripianare i conti entro il 2021 che devono azzerare un buco enorme, e la quota per il 2016 è di 235 milioni. La cifra è già enorme, tuttavia non è questa, ai 235 milioni bisogna aggiungere 71,5 milioni relativi allo Sblocca-debiti e 59,3 milioni per il pagamento degli interessi sui mutui della Cassa depositi e prestiti. Piove sul bagnato perché ci sono anche altri 50 milioni che sono da pagare dopo la sentenza della Corte Costituzionale che ha dichiarato illegittimi i tagli degli anni precedenti.

Specifica Reschigna che anche i trasferimenti alle partecipate insieme alla riduzione drastica gli stipendi dei dirigenti (-20%) contribuiranno a sanare il bilancio. Già la Regione Piemonte ha tagliato i dipendenti, ridotti dai 2.578 del 2013 ai 2.266 stimati per il 2015 che diminuiranno ulteriormente l’anno prossimo fino a 2.177, con un risparmio di circa 40 milioni. Con la vendita del patrimonio immobiliare si stimano ricavi per 60 milioni di euro cui si aggiungono 40 milioni di recupero dall’evasione del pagamento del bollo auto.

Il nodo sarebbe imporre il pagamento del bollo anche per i possessori di auto ecologiche. Da un punto di vista propagandistico, sarebbe un provvedimento che danneggerebbe i Pd dal punto di vista elettorale minando la strategia di Matteo Renzi, tuttavia i soldi servono subito alla Regione Piemonte. La discussione sull’argomento deve concludersi in tempi brevi e ve ne daremo conto, la legge di bilancio deve andare in discussione e quindi ogni decisione deve essere presa entro l’8 dicembre.

Le conclusioni sono che i tagli e la riduzione di posti di lavoro (leggi riduzione di reddito disponibile per sostenere i consumi) porti nel tempo a ripercussioni assai peggiori, ma si sa, alla politica interessa quello che accade nella legislatura in corso e non quello che troverà la nuova. In parte è quello che è successo anche Chiamparino!

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]