La giravolta di Squinzi: “Gli immigrati non sono una risorsa”

17 settembre 2015, intelligo
La giravolta di Squinzi: “Gli immigrati non sono una risorsa”
E' l'ennesima giravolta di Giorgio Squinzi. Sono choc le parole del numero uno di Confindustria suonano come musica per le orecchie di Matteo Salvini che infatti non perde tempo a twittare: “Bravissimo! Parole chiare e di buonsenso. Chissà se Renzi darà della 'bestia' anche a lui...”. 

Staffilata a Matteo Renzi e applausi a Giorgio Squinzi. Ma cosa è successo? 

Non si può certo dire che il presidente di Confindustria non sia stato chiaro: oggi a margine della presentazione della Fondazione E4Impact a Milano ha risposto così a chi gli chiedeva dell’emergenza migranti: “Gli immigranti non sono per noi una risorsa perchè chi viene in Italia ha come destinazione altri Paesi. In questo momento non è quindi l'immigrazione che può risolvere i nostri problemi, la nostra vera priorità è dare lavoro agli italiani, visto che abbiamo un tasso di disoccupazione del 13 per cento e sul fronte giovanile del 40 per cento”. 

Squinzi sembra prevedere le reazioni che seguiranno e infatti premette: “Sarà una visione un po' egoistica la mia ma dobbiamo cominciare a dare un futuro ai nostri giovani e una velocità al Paese. In ogni caso le immigrazioni alla lunga sono sempre fenomeni positivi. Per quanto ci riguarda però l’obiettivo di chi viene da noi è quello di andare, poi, in altri Paesi”. 

Anche il governatore della Liguria Giovanni Toti condivide l’analisi di Squinzi che ‘usa’ politicamente per scagliarsi contro il Pd “intento a contare i voti al Senato”. 

Insomma, Squinzi ha lasciato il segno. Come le polemiche. 

LuBi
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]