Quando la misericordia fa notizia! Storia di una mamma che salva l'assassino del figlio

18 aprile 2014 ore 15:27, Marta Moriconi
Quando la misericordia fa notizia! Storia di una mamma che salva l'assassino del figlio
La legge del Taglione è la legge che si ha in mente quando si parla dell'Iran khomeinista,
 vendicativo quanto basta per pareggiare i conti con una forma di giustizia lontana da quella occidentale, da quella cristiana, perché al di là delle polemiche, l'Europa fonda le sue radici nella cristianità. Nella storia che stiamo per raccontare l'occhio per occhio, dente per dente, non è stato praticato. La vendetta ha assunto un colore diverso, più umano. C'è stata pietà, una sorta di misericordia cristiana ha invaso il cuore di una mamma. E' una storia bellissima quella di Balal (salvato dalla madre del ventenne morto Abdolah Hosseinzadeh) un condannato a morte, prima che di essere graziato. Lui aveva ucciso l'altro per una banale lite in strada, ma l'altro era figlio di un'eroina, in cui la pietà materna è prevalsa sulla voglia di vendetta. La signora alla fine ha scelto un semplice schiaffo in faccia. E il calore di quello schiaffo rimarrà impresso a vita su quella guancia, ma soprattutto nel cuore di quel giovane criminale destinato al cappio al collo, che con una felpa nera era arrivato al patibolo a occhi bendati, sorretto da un mullah, e che mai si sarebbe aspettato di trovar grazia sulla sua strada. E quando la misericordia veste i panni di una donna, sposa e madre, ha il volto più bello, e il suo hijab nero si tinge di sfumature celesti. Niente legge della sharia, della retribuzione. Ma lei lo salva e scappa via, piegata su se stessa. Ma ritta di fronte alla sua coscienza.  
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]