Renzi e i "suoi uomini oggetto"...

18 dicembre 2013 ore 14:04, Marta Moriconi
Renzi e i 'suoi uomini oggetto'...
Prove di avvicinamento tra il Pd di Matteo Renzi e Forza Italia... E sì, avete capito bene. Il rottamatore, anche di Letta (?), sta lavorando alla spallata? Sembrerebbe di sì. La notizia è che un suo "ambasciatore" è sceso (perché sempre di sinistra e quindi superiore per definizione) a trattare con Berlusconi. Tutto pur di non procedere al ritorno al Mattarellum che sarebbe la sua rovina. D'altronde era stato lo stesso neo segretario dem a dire: «Io voglio stanare il Cavaliere, scoprire, anzi, far scoprire, cosa vuole veramente. Non mi voglio trovare ad aprire con lui una trattativa sulla legge elettorale per poi trovarmi in mezzo al guado. Facciamolo uscire allo scoperto». E così ha fatto. Il posto scelto non è di quelli "intimi", protetti, ma davvero alla portata di tutti, a partire dagli operatori della stampa. Il capogruppo di Forza Italia Renato Brunetta e l'ex vicesindaco di Renzi, Dario Nardella, hanno "cincischiato" alla Caffetteria di piazza di Pietra. E una pietra andava proprio messa sopra al passatose si voleva riflettere a mente lucida. Oggetto della "pratica": la legge elettorale. Secondo il Corriere della Sera "Nardella ha chiesto a Brunetta se l’idea renziana di rendere maggioritario il Mattarellum, trasformando quel 25 per cento in un premio, gli piacesse o meno. Il capogruppo di FI non ha avuto il coraggio (e forse anche il cuore) di dire di no. È chiaro che a entrambi quella mossa serve per fare paura ad Alfano". Sullo sfondo della scena il ritorno alle urne.  Renzi pur di arrivare ad un risultato (elettorale) che accresca il suo consenso è pronto a trattare anche con il diavolo? Forse sì, perchè il tempo che ha disposizione, mentre la piazza scende in campo con i forconi, mentre i focolai di malcontento crescono, è davvero poco. E non lo si potrà certo accusare di incoerenza, considerato che aveva dichiarato proprio pochi giorni fa che la riforma elettorale si sarebbe fatta con chi ci stava. Intanto si è alzato un pre-ultimatum: «Il 25 maggio è l’ultima data utile per le elezioni anticipate». Alfano, Berlusconi, Grillo sono solo pedine utili in questa fase. Uomini "oggetto", insomma.  
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]