Che fine ha fatto Fabio Concato?

18 dicembre 2015 ore 10:34, intelligo
Che fine ha fatto Fabio Concato?
di Anna Paratore

E' famoso in tutto il mondo ma soprattutto in Italia. Specialmente in certi anni passati è stato sicuramente capace di far innamorare più coppie di Cupido e di dare un bel impulso anche alle nascite. Vi parliamo oggi di Fabio Concato, un vero menestrello dell’amore.

Discendente da una famiglia di musicisti, il padre chitarrista e autore jazz noto con il nome d’arte di Gigi Concato e il nonno Nino Piccaluga cantante lirico, Fabio ha ripreso la vena romantica probabilmente dalla mamma poetessa. E pensare che questo autore comincia la sua carriera con un gruppo cabarettistico, “I Mormoranti”, nel tempio della satira italiana, il Derby di Milano negli anni ’70.

Lo scopre il talent scout Walter Guertler che lo mette sotto contratto con la Harmony, ed è una divertente coincidenza se l’etichetta discografica con cui Concato comincia porti il nome della più famosa collana di romanzi rosa italiana. Nel 1977 nasce il primo album, che ottiene un buon successo radiofonico. Nel ’78, Fabio partecipa all’incisione dei cori nel 45 giri Ufo Robot, successo megalattico in Italia. Produce poi un altro paio di lavori, ma sembra distaccarsi dalla musica e dal pubblico. In realtà, ha solo bisogno di raccogliere le idee e scegliere una strada da intraprendere. Torna alla ribalta dopo tre anni. L’album che pubblica nel 1982, trascinato dal singolo Una domenica bestiale lo impone al grande pubblico, e finisce per essere la colonna sonora di Vado a vivere da solo, un film di quegli anni con Jerry Calà. Comincia per Concato un periodo d’oro, con la composizione di una serie di pezzi rimasti tutti nell’immaginario collettivo. Arrivano Ti ricordo ancora, Tienimi dentro te, Sexy Tango, Rosalina, Guido piano e soprattutto Fiore di maggio, dedicato alla neonata figlia Carlotta.
Nel 1990 partecipa anche al 33° Zecchino d’oro con la canzone L’ocona sgangherona, ovviamente lui ne è solo l’autore. Nel 1992 pubblica l’album In viaggio, che è un altro successo sia di critiche che di vendite. Arriverà poi M’innamoro davvero, con la partecipazione di Josè Feliciano. Quando ormai è un acclamato autore di canzoni d’amore o, comunque, melodiche, Concato cambia ancora, e si avvia sulla strada di sonorità decisamente più jazz. Nel 2010 incide il singolo Amico mio col giovane cantautore Giancarlo Di Muoio per raccogliere fondi in favore del Centro Ambrosiano per la Solidarietà di Milano, partecipa al nuovo album di Ana Flora, famosa cantante brasiliana, con la quale canta la versione brasiliana di Rosalina "A Rosinha" e l'inedito "L'aquilone". Attualmente è ancora impegnato con la sua musica, e il 19 e il 20 dicembre sarà a Bari in concerto con Paolo di Sabatino. Perciò, chi ha bisogno di un po’ di piacevolissimo romanticismo, sa dove andare. L’amore fa bene sempre, a Natale… di più.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]