Boschi, Fedriga su nuova tensione Fi-LN: "Aspettiamo i forzisti alla prova dei fatti. Da Salvini un monito"

18 dicembre 2015 ore 13:02, Lucia Bigozzi
Boschi, Fedriga su nuova tensione Fi-LN: 'Aspettiamo i forzisti alla prova dei fatti. Da Salvini un monito'
L’irritazione di Salvini che non approva la mossa di Fi che diserta l’Aula al momento del voto sulla mozione di sfiducia al ministro Boschi, a Montecitorio è più rarefatta nei toni ma non cambia molto nei contenuti. Massimiliano Fedriga, capogruppo della Lega usa il bilancino ma non nasconde che il suo partito attende Berlusconi “alla prova dei fatti”, ovvero in Aula sulla mozione di sfiducia al governo. Nell’intervista a Intelligonews, manda messaggi chiari agli alleati. 

Fi non partecipa al voto sulla mozione di sfiducia alla Boschi che invece voi votate. Che succede con Berlusconi? Salvini ha tuonato che è a “rischio la coalizione”. Vi fidate?

«Non mi pongo la domanda se fidarmi o no di Berlusconi. Noi guardiamo agli atti concreti e ci auguriamo che tutti siano coerenti rispetto alle posizioni assunte e di cui il Paese ha bisogno. Non sono né un preveggente né un complottista. Vedremo sui fatti reali. Siamo ottimisti».

Dunque la strada che indicate è una mozione di sfiducia unitari al governo con Fi e Fdi?

«Noi, coerentemente abbiamo presentato una mozione di sfiducia all’esecutivo Renzi con la firma di tutti i nostri partner, Fi e Fdi, che sarà discussa e votata alla Camera in gennaio e poi al Senato. Noi vogliamo che si voti la sfiducia al governo Renzi. La sfiducia personale al ministro Boschi presentata dal M5S la votiamo ma abbiamo detto come atto politico di sfiducia a Renzi. Il problema vero è il governo Renzi e tutto quello che sta emergendo dalle inchieste giornalistiche e giudiziarie sullo scandalo dello 4 banche in default ci impone di portare fino in fondo la nostra battaglia per il bene del Paese»

Sì', ma Salvini ha detto che è a “rischio la coalizione”. Che vuol dire? Che il patto con Fi potrebbe saltare?

«Quello di Salvini è un monito, nel senso di dire: chiariamoci. Noi siamo opposizione e siamo contro le scelte del governo. Non solo, ma la mozione di sfiducia al governo deve diventare dirimente per le scelte future. Allo stato attuale mi auguro che Fi proceda con una opposizione netta e forte a Renzi che passa anche attraverso una mozione unitaria di sfiducia»

Nella partita per la Consulta Fi ci ha “rimesso” il proprio candidato Sisto ma poi il Pd ha chiuso l’accordo coi 5S. A che “pro”?

«Il dato politico è l’asse Pd-M5S. I grillini hanno votato Barbera che definivano un candidato organico al Pd; hanno votato una Consulta che accusavano di essere ‘militarizzata’ politicamente ma nella sostanza hanno ‘militarizzato’ la Consulta con il loro candidato. Alla faccia dell’anti-casta e del potere, del sistema da abbattere, secondo il ‘verbo’ grillino»
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]