Babbo Natale non si tocca! I "genitori-elfi" contro il parroco "negazionista"

18 dicembre 2015 ore 13:33, Marta Moriconi
Babbo Natale non si tocca! I 'genitori-elfi' contro il parroco 'negazionista'
Il presepe si può pure togliere, ma Babbo Natale non sia mai. Ad Antey-St-André, un paesino in Valle d'Aosta, la rivolta dei genitori è scoppiata perché qualcuno ha detto ai loro bambini che Santa Claus non esiste. E questo qualcuno porta il clergyman. 
A scendere dai cieli a Natale è Gesù? Sta costando cara la rivelazione choc del parroco che durante il catechismo avrebbe negato l'esistenza di Babbo Natale, stando alla polemica che sta montando e coinvolgendo anche i catechisti. E' La Stampa a parlarne, e la notizia è diventata tale quando i genitori hanno deciso di mettersi l'abito degli elfi di Santa Claus e di scendere in piazza. A fare cosa? A raccogliere firme da presentare al vescovo Franco Lovignana. Obiettivo: censurare l'inopportuno sacerdote secondo loro.
Queste le loro parole: "Prima o poi tutti i bambini scoprono, amareggiati, che Babbo Natale non esiste, e che i regali non vengono portati magicamente su una slitta trainata da renne, ma sono comprati da mamma e papà. Certo, però, a rivelarne l’inesistenza non dovrebbe essere una figura esterna alla famiglia, come è successo nel nostro caso". 
Il problema dunque non è solo il gender. La protesta che "durante le lezioni ai bambini" si dicano cose che non andrebbero dette, riguarda anche Babbo Natale, e la novità non è da poco. Babbo Natale non esiste? I genitori dicono che "invece di sprecare soldi in dolciumi li diano al parroco senza dirlo ai genitori, con un chiaro invito a mentire. Inoltre dicono ai bambini che se non vanno a messa compiono un peccato mortale”.
Ci pensa il catechista Marco Poletto a trattare l'argomento con i guanti di velluto e a tentare una mediazione intervistato da La Stampa: “Credo che il problema sia nato dalla poca padronanza della lingua italiana del parroco, di origine polacca. Anche le prediche, a volte, sono poco comprensibili. Probabilmente il parroco non ha saputo spiegare con chiarezza il suo pensiero". Ma cosa è stato detto ai bambini? "Che Babbo Natale - dice - è una figura presente in molte culture e che distribuisce i doni ai bambini. Abbiamo aggiunto che tutte le versioni del Babbo Natale moderno, chiamato Santa Claus nei paesi anglofoni, derivano dallo stesso personaggio storico, una persona reale, san Nicola, vescovo di Myra”. Insomma, uno scandalo montato ad arte? Chissà. Ricordiamo a tutti che è l'anno della Misericordia però. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]