Causin: "Letta era attaccato con la Vinavil, ora 4 anni per le riforme"

18 febbraio 2014 ore 14:19, Andrea De Angelis
Causin: 'Letta era attaccato con la Vinavil, ora 4 anni per le riforme'
«Vogliamo aprire una collaborazione diversa con questo governo, visto che nella fase Letta la nostra presenza era finalizzata solo a garantire i numeri a un esecutivo attaccato con la vinavil...». Non usa di certo il fioretto Andrea Causin nel parlare su IntelligoNews del cambio di governo. Per il deputato di Scelta Civica sarà fondamentale la durata di Renzi: «Non si può chiedere al Parlamento di cambiare il Paese in pochi mesi. La legge elettorale è il primo passo, ma le altre misure faranno ripartire l'Italia».
Causin: 'Letta era attaccato con la Vinavil, ora 4 anni per le riforme'
Causin: 'Letta era attaccato con la Vinavil, ora 4 anni per le riforme'
Le primissime ore di Renzi sono un po' sanremesi, di chi se la canta e se la suona a proprio piacimento. La situazione è questa, o è troppo presto per giudicare il Premier incaricato?
«Un primo giudizio si può esprimere sulla differenza sostanziale che c'è tra l'ipotesi di governo Renzi e il governo Letta. Con quest'ultimo c'era un premier di un partito che non lo sosteneva, adesso di fatto la coincidenza tra segretario e primo ministro dovrebbe conferire maggiore stabilità al governo. Si supera così anche l'idea che le riforme importanti si possano fare in pochi mesi...». Ma è corretto che il segretario di un partito diventi anche il premier di tutti? «Questi sono problemi del Pd, a noi interessa che Renzi sia premier e che il partito che rappresenta lo sostenga senza dubbio alcuno. Il fatto che le due figure coincidano potrebbero essere un vantaggio per il Paese». Veniamo al nodo del ministero dell'Economia: che significato politico hanno i tanti no ricevuti da Renzi, per ultimo quello di Fabrizio Barca? «Si tratta di un ruolo indubbiamente delicato viste le aspettative altissime che ci sono in questo momento nel nostro Paese, ancora in recessione. Trovo che i rifiuti, in questo senso, siano un buon segnale...». Poltrone, programma, riforme: Scelta Civica di cosa parlerà a Matteo Renzi? «Vogliamo aprire una collaborazione diversa con questo governo, visto che nella fase Letta abbiamo avuto l'impressione che la nostra presenza fosse finalizzata solo a garantire i numeri a un esecutivo attaccato con la vinavil... Adesso chiediamo, soprattutto rispetto al tema della crescita economica, anche delle garanzie. Non ci sfugge che il maggior azionista di questo governo sia legata alla sinistra, luogo dove si trova il peggior conservatorismo del Paese». Crede in un Governo che duri fino al 2018? «Ritengo che la durata sia un elemento importante, perché è impensabile fare grandi riforme in otto mesi. Non si può chiedere al Parlamento di cambiare il Paese in pochi mesi. La legge elettorale è il primo passo, le altre misure faranno ripartire l'Italia».
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]