"Montata" a Padova la prima mandibola artificiale. Trapianto "Made in Italy" d'eccellenza

18 febbraio 2016 ore 14:54, Americo Mascarucci
'Montata' a Padova la prima mandibola artificiale. Trapianto 'Made in Italy' d'eccellenza
Per la prima volta in Italia, a Padova, è stato ricostruito con un trapianto artificiale di mandibola, il volto di un paziente di mezza età di nazionalità italiana affetto da osteonecrosi. 
L'intervento è stato eseguito dal reparto di Chirurgia maxillo-facciale dell'Azienda Ospedaliera Università di Padova diretta dal prof. Giuseppe Ferronato, ed in particolare dai ricercatori Giorgia Saia e Giordana Bettini, coordinati da Alberto Bedogni, esperto nel trattamento delle patologie ossee radio e farmaco indotte, assieme ad un team di ingegneri. Il paziente come detto era affetto da una grave forma di osteonecrosi che aveva deteriorato la sua mandibola e prodotto una serie quasi infinita di difficoltà legate a masticazione e deglutizione alle quali risultava impossibile porre rimedio andando a rinsaldare il tessuto osseo compromesso.
Grazie ad un intervento-lampo durato solo 4 ore, l'equipe di chirurghi è riuscita a rimuovere tutto il tessuto osseo presente nella mandibola del paziente e a rimpiazzarlo con una protesi dal peso di 26 grammi, comprensiva di fori atti a consentire l'ingresso di muscoli e nervi nella struttura. 
La stessa protesi è stata inizialmente elaborata al computer avvalendosi delle immagini dello scheletro facciale del paziente grazie alla tomografia computerizzata: con le stesse immagini poi, è stato realizzato un modello virtuale della mandibola in 3D e successivamente la mandibola vera e propria. Questo ha permesso di andare a riprodurre nella maniera più fedele possibile le caratteristiche anatomiche della parte mancante e deformata della mandibola del paziente. Un raggio laser ha fuso per strati la polvere di titanio formando così la nuova mandibola. la protesi inserita, quindi, include condilo e mento, parti fondamentali per il corretto funzionamento della mandibola, per l’articolazione della parola, deglutizione, masticazione e movimento delle labbra, senza dimenticarsi dell’aspetto esteriore del volto.

Numerosi i vantaggi immediati per il paziente. Dalla sensibile riduzione del rischio di complicanze, alla riduzione della possibilità di rigetto; dal recupero della migliore forma del volto in un unico intervento alla respirazione autonoma post-operatoria. Dalla riduzione della necessità di accesso tracheostomico alla rapida ripresa dell'alimentazione già dalla prima giornata dopo l'intervento e al rapido recupero della qualità della vita generale. 

Il vantaggio delle protesi artificiali personalizzate è da considerarsi soprattutto nei casi in cui la regione anteriore della mandibola sia inclusa nell'asportazione. Il costo medio di un impianto di questa tipologia è di circa 3.500 euro e prevede l'applicazione a basso impatto sugli individui, specie nei soggetti adulti. A qualche mese di distanza dall' effettiva operazione il paziente non solo non accuserebbe più dolori, ma sarebbe anche in grado di masticare, parlare, respirare e deglutire normalmente.


caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]