"Il fumo uccide più di Obama" manifesto choc. E' guerra fredda anche nella pubblicità

18 febbraio 2016 ore 21:13, Andrea Barcariol
Che i rapporti tra America e Russia siano molto tesi è cosa ormai nota da tempo. L'ultima dimostrazione arriva da una campagna pubblicitaria raffigurante il presidente degli Stati Uniti con una sigaretta, con lo slogan "il fumo uccide più persone di Obama, anche se pure lui uccide un sacco di persone". La reclame era stata posta in una delle fermate della metro, Marina Roshcha a Mosca. Il portavoce per il Dipartimento media e pubblicità Konstantin Gorokhov ha confermato che l'annuncio è stato rimosso e che la sua collocazione era il frutto di un episodio di teppismo, ma i responsabili non sono stati ancora individuati. Anche molti rappresentati del parlamento russo si erano immediatamente dissociati: ad esempio il deputatato di opposizione Dmitry Gudkov che ha utilizzato facebook per esprimere il pensiero: "In effetti sono disgustato e mi vergogno di ciò che appare per le strade della capitale della Russia" e pubblicare la foto di un manifesto di grandi dimensioni che tappezza, protetto da una cornice di vetro e metallo, una fermata dell'autobus. "Presto faranno paura ai bambini con Obama invece che con Baba Yaga (la strega delle fiabe russe, ndr)", ha detto Gudkov in un'intervista al Guardian.

'Il fumo uccide più di Obama' manifesto choc. E' guerra fredda anche nella pubblicità
In Russia il sentimento antiamericano è all'apice e anche le campagne pubblicitarie chiamano spesso in causa gli odiati nemici. Una catena di supermercati, ad esempio, ha esposto e messo in vendita un tagliere con Obama ritratto come uno scimpanzè (scatenando lo sdegno del portavoce dell'ambasciata americana a Mosca, Will Stevens) mentre sulla facciata di un edificio di fronte all'ambasciata Usa è stato affisso un poster con il volto del Presidente americano con la scritta: "Assassino". L'azienda di trasporto pubblico di Omsk invece ha abbassato il prezzo degli autobus a lunga percorrenza tra Khanty-Mansiysk e Surgut "a dispetto di Obama" senza spiegare nella pubblicità cosa c'entrasse il presidente degli Stati Uniti.



 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]