Xorshift128+, l'algoritmo made in Italy che salverà gli acquisti online

18 gennaio 2016 ore 7:37, Micaela Del Monte
Da oggi grazie ad un algoritmo creato da un matematico italiano sarà possibile avere più sicurezza su computer, tablet e smartphone di tutto il mondo in modo semplice e veloce grazie alla possibilità di risolvere un bug scoperto in JavaScript, nella realizzazione dei numeri pseudocausali che vengono utilizzati per gli acquisti online e i videogiochi.

Il difetto riguarda principalmente la funzionalità che permette appunto la generazione di questa serie di numeri che consente ad esempio di identificare in modo univoco gli acquisti online. Grazie all’algoritmo xorshift128+, sviluppato dal matematico Sebastiano Vigna dell’Università Statale di Milano, sarà dunque possibile risolvere il problema.
Questo bug era stato sfruttato in passato diversi pirati informatici anche per scoprire numeri di carte di credito oppure per manomettere i giochi online

Xorshift128+, l'algoritmo made in Italy che salverà gli acquisti online
La bug più grave è stato scoperto da una start-up che si occupa di siti di scommesse online. "Usando JavaScript nella gestione del sito, è emerso che l’algoritmo estraeva sequenze numeriche simili più spesso di quanto ci si poteva aspettare, in questo modo si rischiava di identificare due scommesse completamente diverse con la stessa sequenza numerica" ha spiegato Vigna. "Generare sequenze numeriche in modo casuale è molto difficile e costoso. Per questo motivo fin dagli anni ’40 si sono messi a punto algoritmi che consentono di calcolare in modo deterministico dei numeri, mimando la casualità che si può avere solamente con processi fisici (come avviene con il lancio di un dado), che però sarebbero troppo onerosi da riprodurre su larga scala per creare i milioni di bit casuali al secondo di ha bisogno il web" ha proseguito il matematico.

Gli acquisti online, dunque, sono salvi poiché l’algoritmo è già stato installato sui maggiori browser, ovvero Chrome, Firefox e Safari.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]