Pd alla guerra delle regole: Epifani, Re Salomone e il segretario dimezzato

18 giugno 2013 ore 11:42, intelligo
Pd alla guerra delle regole: Epifani, Re Salomone e il segretario dimezzato
La battaglia delle regole è scoppiata da tempo. Così come il tentativo delle varie correnti del Pd di mettere le mani sulla Commissione che dovrà occuparsi di stabilire tempi e modalità della selezione della nuova segreteria.
Per disinnescare il grande conflitto, Guglielmo Epifani, ha accolto un suggerimento che sembra essere arrivato dall’inner circle renziano e ha avocato a sé la questione. “La Commissione la presiedo io o un mio delegato”, è il suo messaggio. Una indicazione che da parte del sindaco di Firenze è stata vissuta come la garanzia che il congresso verrà convocato entro l’anno, circostanza per lui fondamentale per evitare una sovrapposizione con la scelta di ricandidarsi o meno come primo cittadino della città gigliata. I bersaniani però non si arrendono e chiedono che prima si celebrino i congressi dei circoli, delle federazioni provinciali e regionali per arrivare solo alla fine del percorso alla sfida per la segreteria nazionale. Che significa dilatare nel tempo la sfida per il Nazareno. Una road map che da molti, maliziosamente, viene letta come il tentativo di far sì che il futuro generale non possa poi scegliersi i suoi colonnelli e il suo esercito.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]