Migranti, l'Europa ha bisogno di ponti o muri? Il sondaggio

18 giugno 2015, Andrea De Angelis
 "Vi invito tutti a chiedere perdono per le persone e le istituzioni che chiudono la porta a questa gente che cerca vita, una famiglia, che cerca di essere custodita". È l'appello lanciato ieri da Papa Francesco, a tre giorni dalla Giornata mondiale del rifugiato, promossa dalle Nazioni Unite per sabato prossimo.

Migranti, l'Europa ha bisogno di ponti o muri? Il sondaggio
Immediata (quanto prevedibile visti anche i precedenti) la risposta di Matteo Salvini, leader della Lega Nord: "Quanti rifugiati ci sono in Vaticano? Il problema è che i rifugiati sono un quarto di quelli che arrivano, noi non abbiamo bisogno di essere perdonati". 

Oggi invece ha parlato il Presidente del Senato, Piero Grasso. "Sono con il Papa, sono per la solidarietà nei confronti degli immigrati che devono essere considerati delle persone e non certo bestie". Quindi si è espresso così sui muri: "Penso che siamo stati abituati a festeggiare la caduta dei muri e oggi pensare che se ne possano costruire dei nuovi è disarmante". 

Chiaro il riferimento all'Ungheria di Orban che ha annunciato la costruzione di una recinzione alta 4 metri lungo l'intero confine con la Serbia (175 km) per arginare il flusso di immigrati.. Lo ha annunciato il ministro degli Esteri di Budapest Peter Szijjarto ripetendo in sostanza il concetto già espresso dal premier Orban la settimana precedente: "I paesi dell'Ue cercano una soluzione, ma l'Ungheria non può permettersi di aspettare più a lungo. Il ministro dell'Interno ha ricevuto l'ordine di costruirla".

Quale delle quattro posizioni è più vicina alla vostra? 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]