Continua la strage dei rapper: ucciso Chinx a New York

18 maggio 2015, Andrea Barcariol
E' stato ucciso in una sparatoria il rapper newyorkese Lionel Pickens, 31 anni, in arte Chinx. Era fermo a un
Continua la strage dei rapper: ucciso Chinx a New York
semaforo nel quartiere di Queens, al volante della sua Porsche, alle 4 del mattino, quando da un'altra auto sono stati sparati colpi di arma da fuoco. Portato in ospedale, è morto poche ore dopo. In gravi condizioni un altro uomo che era con lui.

Chinx faceva parte della band Coke Boys di French Monta ed noto per aver messo in versi la sua esperienza di spacciatore di droga.  Di recente aveva collaborato con Young Thug e il suo pezzo del 2012 "I'm a Coke Boy" (sono un ragazzo della cocaina) era diventato una hit tra gli amanti del genere. Profetica una delle sue raccolte: "Fai in fretta e muori".

Si tratta dell'ennesima vittima nel mondo dei rapper americani, spesso provenienti dal ghetto, di origini afroamericane e cantori di realtà difficili, di storie di droga e violenza. Dal 1987 al 2014 ne sono stati assassinati 41, da Bowie Richard, dopo una lite in un locale, a Glenn Thomas. Una strage che sembra non avere fine.






caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]