Decreto Pensioni: come funziona e quanto costa. Fi studia la Class Action

18 maggio 2015, intelligo
Decreto Pensioni: come funziona e quanto costa. Fi studia la Class Action
Il Consiglio dei ministri ha deciso: decreto Pensioni. L’annuncio dato da Renzi ieri in anteprima da Giletti all’Arena, trova conferma nell’ok del Cdm. Ed è ancora il premier a spiegare numeri e modalità del rimborso che scatterà il primo di agosto.

COME. Il decreto varato da Palazzo Chigi come risposta alla sentenza della Corte costituzionale sull'indicizzazione, impegna sui rimborsi il “tesoretto”di 2 miliardi e 180 milioni di euro. “Abbiamo fatto un intervento per la riqualificazione del montante contributivo”. Le “pensioni non si toccano, nessuno perde un solo centesimo nonostante la crisi”, spiega Renzi al termine della riunione del governo. Poi aggiunge: “Nonostante la crisi economica le pensioni avrebbero dovuto essere abbassate per coefficiente legato al Pil paradossalmente ridursi di qualche euro invece con questo intervento non decrementiamo le pensioni”. Con il decreto del governo sui rimborsi ai pensionati interessati dalla sentenza della Consulta, "dal 1 agosto se tu prendi 1700 euro lordi avrai 750 euro, se prendi 2300 euro avrai 450 euro, se prendi 2700 avrai 278 euro. E’ una una tantum”, spiega Renzi. Una volta a regime, aggiunge “a chi prende 1700 euro andranno 180 euro l'anno, 99 euro a chi prende 2200 euro e 60 euro a chi prende 2700”.

E a chi lo accusa di mettere in campo l’ennesima operazione elettorale replica: “Non abbiamo voluto fare una corsa per evitare di sentirci dire 'siete in campagna elettorale'. Abbiamo avuto il coraggio di presentare una proposta subito per dare un messaggio forte ai partner europei che non si scherza sulle pensioni ai mercati che non c’è alcuna tensione pre-elettorale che ci rendesse timidi e rispetto ai pensionati che hanno il diritto di sapere, e lo facciamo partendo dal presupposto che la questione va affrontata".

FI: CLASS ACTION. Dalle file dell’opposizione parte il quotidiano missile terra-aria di Forza Italia e in particolare del ‘barricadero’ Renato Brunetta pronto a lanciare la class action contro il governo: “Se Renzi restituirà 500 euro a quattro milioni di pensionati vorrà dire che ruberà 16 miliardi, perché il totale è 18, secondo i calcoli dello stesso governo. Quindi vuol dire che a quattro milioni di pensionati arriveranno 500 euro in luogo di 3.000, 3.500, valore medio. Quindi è un imbroglio, è un furto. Ci opporremo in tutti i modi a un decreto di questo tipo e anche noi avvieremo una class action contro Renzi, contro il governo, per restituire tutto e subito ai pensionati italiani”.

LuBi
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]