Berlusconi choc a Saronno: “Ormai sono fuori dalla politica”

18 maggio 2015, intelligo
Berlusconi choc a Saronno: “Ormai sono fuori dalla politica”
La frase rimbalza dalle agenzie sulla Rete e non passa inosservata. Perché a dirla è Silvio Berlusconi in persona. Così riportano le agenzie di stampa dando conto del tour del presidente di Fi a Saronno per una serie di appuntamenti elettorali. 

Accompagnato dall’europarlamentare saronnese Lara Comi, Berlusconi ha confermato pieno sostegno alla candidatura a sindaco di Pierluigi Gilli e incontrato il consigliere regionale di Fi Luca Marsico e l'alleato nella corsa alle elezioni comunali Gianfranco Librandi. Nel corso del tour saronnese Berlusconi ha visitato due aziende top come la TCI Led, esempio di innovazione internazionalizzazione, e la storica ILLVA che produce il mitico amaretto Di Saronno. Poi la visita al Milan Club Femminile Stella, il primo fun club rosa del mondo e la casa di papà Luigi, saronnese, dove lo stesso Silvio Berlusconi è vissuto per qualche anno. Il leader azzurro ha ricevuto in dono il certificato di nascita del padre e si è trattenuto nel un quartiere popolare
della città. 

Arrivando nella sede di Milan Club femminile, ai giornalisti spiega di ritenersi una persona che “con un grande senso di responsabilità nei confronti del mio Paese e dei tanti italiani che mi hanno sempre dato fiducia vedo questo progetto, chiamiamolo pure un sogno di trasformare la maggioranza numerica degli italiani, e che sia una maggioranza non si discute, in una maggioranza politica organizzata”, aggiunge Berlusconi riferendosi all'idea di realizzare un partito repubblicano sulla stessa lunghezza d'onda di quello americano. 

Il leader di Fi ritiene che “questa sia l'unica possibilità che possa dare all'Italia quei cambiamenti di cui ha assolutamente bisogno”. Ma se, invece, l’Italia andasse avanti così “sarebbe un Paese difficilmente governabile senza alcuna possibilità di quella modernizzazione che invece è assolutamente indispensabile”. 

Caustico il commento a distanza di Raffaele Fitto, ormai ex Forza Italia. “Un leader politico, se ama le idee, il suo Paese e il suo schieramento, dovrebbe sapere quando fare un passo indietro. Berlusconi preferisce invece distruggere tutto e perfino autorottamarsi. E' un finale malinconico. Peccato, non sarà ricordato bene. Auguri umanamente a lui, credo ne abbia bisogno. Politicamente, invece, rappresenta un capitolo chiuso”.

LuBi

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]