Esclusiva, Casarini da Francoforte: "Landini guardi a Blockupy per un'Italia contro i potenti"

18 marzo 2015, Andrea De Angelis
IntelligoNews ha intercettato Luca Casarini, storico esponente dei movimenti di sinistra italiani e già candidato con la Lista Tsipras alle ultime europee, in strada a Francoforte, durante la protesta dei movimenti nel giorno dell'inaugurazione dei nuovi uffici della Bce...

Esclusiva, Casarini da Francoforte: 'Landini guardi a Blockupy per un'Italia contro i potenti'
Casarini, perché in questo momento sta manifestando a Francoforte?

«C'è una situazione di grande protesta da questa mattina alle sei. Oggi è il giorno dell'inaugurazione della Bce e migliaia di persone stanno manifestando per sottolineare l'assurdità di grandi festeggiamenti nei confronti di un'Europa in cui aumenta la povertà dal punto di vista sociale. 

Si parla di una decina di feriti e di una città messa a ferro e fuoco...

«Ci sono state barricate, vari tentativi di bloccare gli ingressi della Bce e naturalmente la polizia era presente e ha fatto cariche oltre ad utilizzare gli idranti». 

Dove si trova adesso?

«Sono in un blocco di oltre duecento italiani che sono stati fermati e adesso vengono presi ad uno ad uno dai reparti di polizia per l'identificazione».

Ci sono delle delegazioni con lei?

«Sì, c'è sia quella dei parlamentari europei de L'Altra Europa con Eleonora Forenza, che quella dei parlamentari di Sinistra Ecologia e Libertà con Fratoianni e Zaccagnini. Di certo oggi non si potrà dire che l'Europa è un luogo pacificato in cui i potenti possono fare le loro grandi feste di apertura di palazzi e le persone non protestano». 

In rete si vedono filmati di ragazzi mascherati. C'è divisione tra i gruppi?

«Non c'è nessun tipo di divisione tra le persone, ci sono tanti modi diversi e creativi di fare blocchi e la protesta è molto dura perché fatta in un luogo in cui teoricamente oggi non doveva esserci nulla se non le sfilate di macchine blindate dei vari potenti della finanza e delle banche. C'è tensione perché la gente vuole protestare, ma nessuna divisione tra parti». 

Tutto sommato mi sembra di capire che la situazione è comunque sotto controllo, non c'è il rischio di una escalation?

«Sì, l'obiettivo politico di questa protesta è stato pienamente raggiunto, ovvero quello di chiedere con forza un'Europa democratica dove la questione aperta dalla Grecia diventi una questione politica per tutti i governi europei. Ridiscutere insieme che tipo di Europa vogliamo. Adesso bisogna evitare l'escalation da parte della polizia e su questo credo sia importante anche il ruolo dei media». 

Venendo alla coalizione sociale di Landini, oggi a Francoforte è presente anche la Fiom?

«Sì, ci sono dei pullman di persone della Fiom che manifestano. Ci sono reti sociali, studenti, precari, insomma tutta la coalizione sociale europea, Blockupy, che ha realizzato questo evento. Anche questa in Europa è già una coalizione sociale». 

Dunque la coalizione sociale in Italia guarda anche a questo modello?

«Spero e penso di sì, credo che sia il modo giusto di affrontare il tema di come organizzarci per cambiare la storia di un'Europa fatta fino ad ora di povertà sempre più grandi da una parte e ricchezze di pochi dall'altra». 

Eppure su molti giornali si scrive che i movimenti identitari in Italia non hanno mai funzionato, quasi preannunciando un flop di Landini. Come risponde?

«Non credo che Landini intenda la coalizione sociale come movimento identitario, ma che ponga il problema di mettere insieme ciò che l'austerity divide. Oggi purtroppo la crisi, la miseria e la povertà tendono a costruire guerre tra poveri piuttosto che prendersela con i veri potenti. Oggi si vedrà chi sta con i potenti e chi invece con le persone che vogliono riprendersi in mano il proprio destino». 

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]