Cosa succede nel Pd? Basta leggere D'Alema... tra le righe...

18 novembre 2013 ore 13:49, intelligo
Cosa succede nel Pd? Basta leggere D'Alema... tra le righe...
di Claudia Farallo   Massimo D'Alema va ascoltato. Non importa se lo si apprezzi o no, o si sia più o meno d'accordo: quando D'Alema parla c'è un motivo ben preciso. E un messaggio altrettanto chiaro per interpretare meglio i 'movimenti' dietro le quinte della politica. Oggi, intervenendo da Agorà, l'ex premier ha inviato messaggi interessanti. Leggete tra le righe... "Non temo la scissione, sono preoccupato del rischio di un abbandono silenzioso. Il nostro è un partito plurale, se dovesse somigliare alla Democrazia cristiana dei signori delle tessere, ho l'impressione che una parte dei nostri iscritti non si sentirebbe più a casa sua", ha dichiarato baffetto. E se non si fosse capito, D'Alema ha anche detto... "Se Renzi dovesse vincere, cosa che spero non accada, le condizioni perché il Pd sia un partito unito e non si trasformi nel campo di battaglia di uno scontro permanente, dipendono da lui. Certo, se gli argomenti sono quelli di ieri sera, ad esempio la liquidazione della maggior parte degli esponenti della sinistra, si tratta di un programma di guerra". E ancora per chiarire, ha precisato... "Questi sondaggi sono campati in aria e il voto degli iscritti al Pd rifletterà abbastanza precisamente l'orientamento degli elettori, come accaduto alle ultime primarie per Bersani. Se però dovesse esserci una massiccia partecipazione di elettori del centrodestra e del M5S, allora il risultato cambierà" La "sinistra" risponderà all'appello?
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]