Effetto Bataclan, dopo Bob Dylan anche Madonna “blindata” a Torino

18 novembre 2015 ore 14:12, intelligo
Effetto Bataclan, dopo Bob Dylan anche Madonna “blindata” a Torino
Dopo Bob Dylan che per il concerto a Bologna chiede misure di sicurezza straordinarie, l’effetto Bataclan tocca anche il calendario dei concerti di Madonna. La pop star sarà a Torino per le tappe del tour italiano domani, il 21 e il 22. C’è un dettaglio a far salire la tensione, come riporta il quotidiano La Stampa e cioè il fatto che 1200 biglietti per il concerto torinese sarebbero stati acquistati dall’estero e in particolare da paesi come Arabia Saudita, Afghanistan e  Sudafrica. Il ministero dell’Interno non sottovaluta il rischio che grandi eventi pubblici come quello previsto nel capoluogo piemontese possano rappresentare un “obiettivo sensibile” per i terroristi, come peraltro ciò che è accaduto al Bataclan di Parigi purtroppo insegna, ovvero il fatto che gli attentatori hanno scelto un luogo con migliaia di persone per colpire al cuore l’Occidente. 

Resta il fatto che a livello interno, il piano di sicurezza è già scattato con controlli serrati nelle città e migliaia di uomini delle forze dell’ordine impegnati nel presidio dei luoghi considerati a rischio e tra questi metropolitane, stadi e strutture per concerti. In particolare, a Torino proprio in vista del concerto di Madonna i controlli saranno intensificati anche perché ad assistere alla performance della pop star si calcola ci saranno oltre trentamila spettatori che riempiranno il PalaAlpitour. Tra le disposizioni già operative, c’è il divieto di portare bagagli ingombranti e il consiglio di raggiungere la sede del concerto con un largo anticipo rispetto all’inizio della kermesse. Meglio se entro le 17,30 come raccomanda la prefettura di Torino. 

Un dettaglio: il piano di sicurezza adottato per il concerto di Madonna è praticamente molto simile a quello messo in campo in occasione dell’ostensione della Sacra Sindone, durante la scorsa primavera. In particolare saranno previste tre fasce concentriche di verifiche nella parte esterna del PalaAlpitour. Ogni fascia di controllo servirà a controllare uno ad uno gli spettatori, a cominciare dalle borse e gli zaini fino ai documenti di identità. 

LuBi



autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]