Leucemia: tecnica "vintage" scopre Dna "alieno" in un malato su due

18 novembre 2016 ore 12:15, Adriano Scianca
In più di un malato di leucemia mieloide acuta su due è presente una porzione di Dna non umano. È la conclusione di uno studio a guida italiana pubblicato su Scientific Reports e completamente autofinanziato con il sostegno delle associazioni di volontariato. I ricercatori dell'Università degli Studi di Milano e gli ematologi dell'ospedale Niguarda avevano già notato che nelle cellule tumorali veniva sovraespressa una determinata proteina, denominata WNT10B. 

Leucemia: tecnica 'vintage' scopre Dna 'alieno' in un malato su due


“Siamo andati a ritroso e ci siamo chiesti chi impartisse questo ordine in grado di attivare un loop auto-proliferativo senza interruzione", hanno spiegato Alessandro Beghini e Roberto Cairoli. Analizzando quindi 125 pazienti trattati al Niguarda hanno individuato, nel 56% delle leucemie mieloidi acute, una sequenza di Dna che sicuramente non è di origine umana. E allora di chi è? Paradossalmente, e malgrado la ricerca si sia basata su tecnologie all'avanguardia, è stato l'uso combinato con tecniche meno avanzate che ha individuato il Dna “alieno”: “Ha giocato un ruolo fondamentale l'uso di sequenziatori automatici diciamo un po' vintage — svelano Cairoli e Beghini — e non completamente al passo con le più moderne tecnologie. E questa è stata la nostra fortuna perché i macchinari di ultima generazione avrebbero scartato le sequenze non umane in automatico senza analizzarle”. 

È così che è stata trovata una sequenza nucleotidica che non ha corrispondenza in nessuna delle sequenze umane finora conosciute. C'è ora da capire da dove venga: una delle piste da seguire è quella microbiologica. Si pensa, cioè, che derivi da un virus o un batterio, di certo un organismo non umano. La leucemia mieloide acuta è una famiglia di tumori del sangue che solo in Italia fa registrare ogni anno 2 mila nuovi casi. La nuova scoperta può ora dare una speranza in più a chi ne è affetto.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]