Filippine, ex dittatore al cimitero degli eroi: polemiche su tomba di Marcos

18 novembre 2016 ore 16:47, Micaela Del Monte
L' ex dittatore delle Filippine Ferdinand Marcos è stato sepolto oggi nel cimitero degli eroi di Manila nel corso di una cerimonia che avrebbe dovuto avvenire lontano dai clamori mediatici a fronte di una crescente opposizione ad una decisione in questo senso della Corte Suprema.
   
Filippine, ex dittatore al cimitero degli eroi: polemiche su tomba di Marcos
Le autorità avrebbero preso accordi ieri con la famiglia sulla traslazione delle spoglie, ha precisato il capo della polizia Oscar Albayalde. I resti dell'ex presidente saranno portati in elicottero dalla sua città natale di Ilocos Norte, nel nord del Paese, al cimitero degli eroi di Manila. La notizia ha comunque sorpreso e scioccato molti esponenti democratici e vittime di violazioni di diritti umani, che hanno annunciato una serie di proteste in tutto il Paese contro la sepoltura di Marcos al fianco di altri presidenti, militari e artisti famosi. Marcos è stato ritenuto responsabile di migliaia di morti, sparizioni e torture di attivisti di sinistra e politici dissidenti quando era al potere.

La Corte suprema la scorsa settimana ha stabilito che Marcos, che ha governato la nazione per due decenni prima che milioni di persone non lo scendessero in strada nel 1986 per una rivolta che lo cacciò, potesse rientrare nel paese ed essere sepolto nel cimitero. La decisione contestata in tribunale era stata presa dal controverso presidente Rodrigo Duterte, suscitando le proteste di tanti ex oppositori di Marcos preoccupati che i tanti crimini attribuiti al suo regime venissero cancellati. La mossa di Duterte e della famiglia di seppellire in gran fretta Marcos ha preso di sorpresa molti, anche perché ci sono ancora pendenti appelli in tribunale. Barry Gutierrez, per conto degli anti-Marcos, ha detto che la sepoltura è illegale per questo motivo. "Non è in realtà sorprendente che questo accada. Marcos ha violato la legge quando era ancora vivo, e anche con questa sepoltura, viola ancora la legge". 

La polizia ha annunciato che il corpo di Marcos era al cimitero poco dopo che iniziata la cerimonia. Migliaia di poliziotti in assetto anti-sommossa e di soldati hanno circondato il perimetro del cimitero, ma non ci sono state proteste. I giornalisti non sono stati ammessi, ma i reporter hanno potuto vedere cosa accadeva dall'esterno grazie a potenti teleobiettivi.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]