Gb choc, giudici per l'ibernazione di 14enne morta di cancro: è polemica

18 novembre 2016 ore 12:12, Americo Mascarucci
Ricordate il celebre film "Amore per sempre" dove Mel Gibson chiede di essere ibernato per superare il dolore provocatole dal coma della propria fidanzata, per essere poi scongelato in caso di un suo risveglio?
La ragazza si risveglierà ma lui resterà ibernato per oltre cinquant'anni perché lo scienziato che conosceva il suo segreto era morto pochi giorni dopo l'avvenuta ibernazione.
Un film che sembrava puramente fantascientifico ma non troppo stando almeno a quanto stabilito da una sentenza dell' Alta Corte del Regno Unito.
Un giudice infatti  ha permesso la crioconservazione del corpo di una quattordicenne malata terminale di cancro, che aveva chiesto di potere essere congelata subito dopo la morte nella speranza di essere riportata in vita in futuro quando si troverà una cura per la sua malattia. 
Ma in che consiste la crioconservazione?
Dal punto di vista etico e legale è possibile la crioconservazione di corpi morti, che cerca di sfruttare il lasso di tempo che passa dal blocco del battito cardiaco alla morte cerebrale, effettuando così il congelamento in modo da conservare intatte le strutture nervose.
Gb choc, giudici per l'ibernazione di 14enne morta di cancro: è polemica
I sostenitori di questa tecnica credono che in futuro dovrebbe essere possibile sviluppare una tecnologia in grado di ripristinare completamente le funzioni vitali dei corpi ibernati. 

Per motivi di privacy e di tutela della famiglia la Corte non ha diffuso informazioni precise sull'identità della ragazza, limitandosi a utilizzare nel suo provvedimento le iniziali JS. 
Dopo avere appreso di avere pochi mesi di vita a causa di una forma di cancro rara e incurabile, JS aveva iniziato a documentarsi sulla crioconservazione consultando i principali siti Internet che se ne occupano. 
Con l’aiuto della madre, aveva in seguito presentato un’istanza presso la Corte per chiedere l’autorizzazione per la procedura.
I genitori della ragazza, divorziati da tempo, avevano idee opposte. La madre era favorevole alla richiesta della figlia, il padre no.
Il giudice in realtà non si è pronunciato sull'ibernazione ma dando ragione alla madre automaticamente ha dato avvio alla procedura.
Secondo la legge britannica, un minorenne non può fare testamento, e le disposizioni riguardo al corpo comprendono anche una decisione di questo genere. 
Serviva dunque un tutore e il giudice ha stabilito che fosse la madre a decidere. E la madre ha detto sì.
L'ospedale in cui era ricoverata durante la fase terminale della malattia ha accettato di collaborare per predisporre il corpo per la criogenesi prima che venisse trasportato negli Usa, ma i medici si sono dichiarati contrari in linea di principio a un procedimento di questo genere. 
I media inglesi commentano che, se le richieste di farsi ibernare aumentassero, il parlamento e la magistratura dovrebbero probabilmente intervenire per legiferare in materia, fornendo un codice etico. 
E naturalmente il dibattito è aperto.
Si può insomma risorgere con l'ibernazione? Se sì, fra quanti anni? E in che stato sarebbe il corpo nel momento dello scongelamento? E soprattutto che età avrebbe? 
Il corpo, al momento del risveglio, tornerebbe come prima dell'ibernazione senza invecchiamento sostengono i fautori di questa tecnica, ma altri scienziati confutano tali certezze affermando che la crioconservazione presenterebbe molti limiti e anomalie.



caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]