"Manovra" contro il cancro: il fondo per farmaci innovativi e immunoterapia

18 ottobre 2016 ore 10:53, Americo Mascarucci
"Il Fondo per i farmaci oncologici innovativi, per il quale la Legge di stabilità prevede un finanziamento di 500 milioni servirà a garantire le nuove cure a migliaia di pazienti". 
La misura è contenuta all'interno del  'Patto contro il cancro' tra clinici e Istituzioni e l'importanza è evidenziata dal presidente della Associazione italiana di oncologia medica (Aiom), Carmine Pinto. 
"Per il 2016-2017 - spiega Pinto - i farmaci oncologici innovativi in arrivo, ovvero quelli per cui l'Agenzia italiana del farmaco riconosce un vantaggio rilevante nelle singole neoplasie in termini di allungamento di sopravvivenza e qualità di vita sono sette, dunque non moltissimi anche se estremamente rilevanti: si tratta di molecole già in uso e rimborsabili ma che hanno avuto un allargamento di indicazioni per l'utilizzo in altre neoplasie o di farmaci completamente nuovi". 
Sette farmaci che secondo l'esperto potranno fare la differenza' per molti malati. 
"Si tratta innanzitutto di farmaci di immunoterapia, approccio che si sta dimostrando efficace in un numero sempre maggiore di tumori".
'Manovra' contro il cancro: il fondo per farmaci innovativi e immunoterapia
Il Fondo permetterà così di assicurare i farmaci che già oggi vengono dati ai pazienti, e quelli che arriveranno, consentendo nel contempo alle aziende ospedaliere una migliore programmazione, senza trovarsi in difficoltà di bilancio'.

"Da tempo – sottolinea il professor Pinto - la nostra Associazione sostiene con forza la necessità di individuare risorse dedicate per garantire a tutti i pazienti oncologici l’accesso alle molecole per cui è riconosciuto il carattere di ‘innovatività’. Armi efficaci, come la chemioterapia più attiva e meglio tollerata, le terapie a bersaglio molecolare e ora l’innovazione nel campo dell’immuno-oncologia determinano un allungamento della sopravvivenza con una buona qualità di vita. La nostra proposta negli ultimi mesi ha raccolto consensi trasversali, da AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) ai clinici, dai rappresentati delle Istituzioni alle Associazioni dei pazienti, fino al Ministro della Salute, che ringraziamo. Il Governo Renzi - conclude - ha compreso l’importanza della nostra iniziativa, che si inserisce in un progetto più ampio, decisivo per milioni di cittadini, il "Patto contro il cancro". 
Un’alleanza tra Oncologi, Governo e Istituzioni, capace di mobilitare risorse e di dare una risposta concreta alle richieste dei pazienti oncologici italiani, sul modello di programmi già lanciati negli Stati Uniti.

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]