Che c'azzecca Jovanotti alla Festa del Cinema?

18 ottobre 2016 ore 11:05, intelligo
di Eleonora Baldo

Anche quando sale sul palco in veste di cineasta e non di cantante è comunque un successo. Sala Sinopoli è gremita di fan giovani e meno giovani perché al centro della scena c’è lui, il cantante più eclettico della musica italiana, il cinquantenne (eh già gli anni passano anche per lui) con lo spirito da eterno fanciullino pascoliano,  Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti.

E con l’allegria e la malizia tipica di un adolescente che si infiltra ad una festa – o in una sala cinema vietata ai minori di 14 anni, proprio come quella volta che andò a vedere “La febbre del sabato sera” riuscendo a mascherare i suoi 12 anni grazie all’altezza – arriva sul red carpet del Festival del cinema di Roma. Cappellino, chiodo multicolor, barba scanzonata e accanto a lui l’amatissima moglie Francesca Valiani, con cui fa coppia fissa da oltre vent’anni. Sul palco del Festival ci arriva per portare la propria selezione di film del cuore, regalandoci un Jovanotti inedito e anche, se vogliamo, intimo quando ad esempio parla della simpatia per l’attore Bud Spencer, perché “somigliava a mio padre burbero, mi riconciliava con lui". O di quando si commuoveva guardando “I 400 colpi” di Francois Truffaut e dell’empatia provata nei confronti del bambino protagonista e della sua immensa solitudine. 

Che c'azzecca Jovanotti alla Festa del Cinema?
Nel suo “cine-racconto” c’è spazio anche per la leggerezza – quella di "Mad Max Fury Road2 di George Miller o di “Kill Bill” di Quentin Tarantino – e ovviamente anche per la musica. Ai presenti in sala, Jovanotti confessa di aver avuto una vera e propria folgorazione per il film “The Blues Brothers” di cui dice: “E' stata una botta quando l'ho visto, Landis mette in tutte scene tantissimi dettagli”. Anche il cinema italiano, ca va sans dir, occupa un posto particolare nel cuore dell’artista, da Nuti, a Celentano sino ai western di Sergio Leone.

Insomma una serata ricca di emozioni, quelle che ancora una volta Jovanotti ha saputo regalare ai propri fan con selfie e “ragazzate” come le corse e i salti sul tappeto rosso e ma anche condividendo con loro le sue passioni cinematografiche e gli aspetti della vita privata ad esse legate. 

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]