Putin toglie il pretesto, 8 ore di stop dei raid su Aleppo

18 ottobre 2016 ore 12:52, Americo Mascarucci
"Alle 10 locali (le 9 in Italia) sono terminati i raid delle forze aeree spaziali russe e delle forze aeree siriane nella zona di Aleppo". 
L'annuncio è arrivato dal ministro della Difesa russo, Sergei Shoigu che spiega:
"La cessazione anticipata dei raid aerei è necessaria per introdurre la pausa umanitaria il 20 ottobre".
 Durante la tregua, le truppe siriane saranno ritirate a una distanza che permetta ai miliziani di lasciare Aleppo est.
Putin toglie il pretesto, 8 ore di stop dei raid su Aleppo
Il 20 ottobre dalle 8 del mattino alle 16 nella zona di Aleppo sarà introdotta una 'pausa umanitaria per evacuare i malati e i feriti nonché per il ritiro dei miliziani da Aleppo.
"Capiamo - ha detto il generale russo Rudskoi - che ci può volere molto tempo per concordare tutte le questioni perciò noi abbiamo preso la decisione di non perdere tempo e di iniziare le pause umanitarie soprattutto per il passaggio libero dei cittadini pacifici, per evacuare i malati e i feriti nonché per il ritiro dei miliziani. A questo scopo - ha precisato il generale - il 20 ottobre, dalle 8 del mattino fino alle 16, nella zona di Aleppo sarà introdotta una pausa umanitaria".
Una tregua dunque che ha il sapore della strategia.

Putin evidentemente non vuole prestare il fianco alla propaganda statunitense che da settimane sta battendo il tasto sull'accusa di presunti crimini contro l’umanità con riferimento ai raid aerei su Aleppo.
Accusa che i russi sanno perfettamente essere strumentale ma che non vogliono in alcun modo alimentare. 
Da qui quindi il gesto di disponibilità a cessare il fuoco per consentire le operazioni umanitarie di soccorso e dimostrare così di non avere nessuna intenzione di lasciare la martoriata popolazione senza assistenza.
"Accoglieremmo con favore qualunque pausa nei combattimenti, ma c'è bisogno di una tregua più lunga al fine di portare gli aiuti", ha spiegato il portavoce dell'Onu, Stephane Dujarric.
Intanto la Russia la prima mossa l'ha fatta. Putin ha così tolto il pretesto agli Usa di attaccarlo proprio sul piano umanitario.



caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]