Legge di Stabilità, da Equitalia alle pensioni: vi piace? SONDAGGIO

18 ottobre 2016 ore 16:48, intelligo
Sono passate 72 ore o poco più da quando Matteo Renzi ha presentato la Legge di Stabilità 2017. Uno dei giorni più attesi dell'anno per chi ama seguire la politica nazionale, per gli addetti ai lavori e più in generale per ogni cittadino italiano. Quello in cui capire se e come cambierà qualcosa su più fronti: dalle pensioni agli ecobonus, dall'istruzione alla sanità e, ovviamente, molto altro ancora. Vediamo alcuni punti.

Equitalia e Rai - "Equitalia chiude", si è letto su molti giornali. E qualcuno ha pensato all'improvviso di non dover pagare più le tasse. Roba da fantascienza, ovviamente. In realtà Equitalia dovrebbe fondersi con l'Agenzia delle Entrate. "Era diventata vessatoria", ha detto il premier. Dunque meno interessi e more, ma "chi deve pagare pagherà". Ovviamente. Scenderà invece il canone Rai da 100 a 90 euro, come scritto già sulle nostre pagine.

Legge Sabatini e Irpef agricola -  Un miliardo al fondo di Garanzia per gli investimenti delle piccole e medie imprese, per attivare crediti bancari tra 23 e 26 miliardi. Prorogata la legge Sabatini che in pratica azzera il tasso sui finanziamenti bancari. Il governo azzera l’Irpef agricola per 400 mila imprenditori agricoli professionali e coltivatori diretti. Sono esenti ai fini Irpef i redditi dominicali e agrari relativi ai terreni dichiarati da questi ultimi per il triennio 2017-2019.

Legge di Stabilità, da Equitalia alle pensioni: vi piace? SONDAGGIO
Sanità e migranti -
 Il Fondo Sanitario nazionale passa da 111 a 113 miliardi, dunque non ci sono i tagli tanto temuti già durante l'estate. Ci sono invece i 600 milioni necessari a pagare i conti dell’accoglienza dei migranti, così come da oltre sei mesi chiedeva il ministro dell’Interno Angelino Alfano. Via libera anche al provvedimento per “premiare” i sindaci che hanno ospitato sul proprio territorio i profughi che attendono di sapere se avranno lo status di rifugiati: 500 euro una tantum per ogni straniero assistito entro il 15 ottobre.

Pensioni - Nel triennio 2017-19 saranno spesi 7 miliardi, uno in più rispetto alle anticipazioni: 1,9 miliardi nel 2017, 2,5 nel 2018 e 2,6 nel 2019. Le risorse in più servono in particolare per la franchigia dell’Ape (anticipo di pensione a partire dai 63 anni) agevolata, cioè a carico dello Stato, che sarà fino a 1.500 euro lordi (contro i 1.350 annunciati a Cgil, Cisl e Uil). Non ci sarebbe invece una modifica del requisito minimo dei 36 anni di contributi per questi stessi lavoratori e dei 30 anni di versamenti richiesti ai disoccupati e ai lavoratori con disabili a carico.

Questi dunque alcuni dei punti fondamentali. Ma ai cittadini italiani piace questa finanziaria? Lo chiediamo ai nostri lettori con un sondaggio al quale rispondere con un semplice "sì" o "no". 



Legge di Stabilità, da Equitalia alle pensioni: vi piace?

  • No
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]