Video in streaming: Amazon sfida Netflix sul filo del dollaro

19 aprile 2016 ore 8:45, Adriano Scianca
La battaglia nel campo dei video in streaming si fa sempre più serrata. Ora arriva Amazon a sfidare Netflix. Il colosso di Bezos offrirà questi servizi come un'opzione autonoma e per l'abbonamento mensile chiederà 8,99 dollari, uno in meno rispetto al canone richiesto da Netflix. Scelta non casuale, nella lotta senza esclusione di colpi dei due giganti della tecnologia. Ovviamente quello del dollaro in meno è un colpo simbolico, quasi una sfida psicologica: trattandosi di due big del settore, la partita tra Amazon e Netflix non si giocherà tanto sulla qualità tecnica del servizio offerto, che sarà eccellente in entrambi i casi, quanto sul modo migliore per accattivarsi le simpatie del pubblico.

Video in streaming: Amazon sfida Netflix sul filo del dollaro
Il servizio Prime Video di Amazon finora era incluso all'interno dell'abbonamento più costoso a Prime (99 euro l'anno), che comprende anche agevolazioni sulle consegne e sconti per gli acquisti online. Nessuna fascia di abbonamento, mentre Netflix ne ha ben tre. I video di Amazon Prime saranno disponibili non solo per lo streaming ma anche per il download. L'opzione del download, invece, non è offerta da Netflix. Proponendolo come pacchetto a parte, Amazon si pone come concorrente diretto di Netflix. Per arricchire il suo catalogo, la compagnia di Seattle ha investito in contenuti originali e ha ingaggiato registi del calibro di Ridley Scott e Woody Allen, che sarà al festival di Cannes. Nato come un servizio online di noleggio dvd, Netflix è la web-tv più popolare del mondo con 70 milioni di abbonati e 190 paesi serviti. Amazon invece ha scalzato Microsoft e, con 73,3 miliardi di euro di fatturato, è diventata la regina delle vendite tra i colossi di internet. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]