La "vendetta" di Ricci, il sindaco umbro scartato da Berlusconi per le sue orecchie

19 dicembre 2014 ore 11:03, Adriano Scianca
La 'vendetta' di Ricci, il sindaco umbro scartato da Berlusconi per le sue orecchie
C'è un outsider che potrebbe scompaginare i piani del centrodestra in vista delle prossime Regionali in Umbria. È Claudio Ricci, 50 anni, sindaco di Assisi. Ricci ha deciso di mandare a quel paese il centrodestra e di presentare tre liste civiche che i sondaggisti danno con il vento in poppa. Fra i pionieri della conquista moderata della “rossa” Umbria, Ricci ebbe il suo momento di gloria nel 2010, quando fu portato a Palazzo Grazioli per ricevere l'imprimatur di Berlusconi per diventare candidato presidente della Regione Umbria per il Popolo della Libertà. Ma qualcosa andò storto. Secondo il racconto fatto dai giornali, infatti, l'allora Cavaliere lo esaminò per poi scegliere Fiammetta Modena. Nulla da ridire sul lavoro e l’eloquio di Ricci, ma pare che Berlusconi non abbia digerito... le orecchie del sindaco umbro, una più a sventola dell'altra. Il quotidiano Italia Oggi scrisse perfino che il Cav gli avrebbe suggerito anche il nome di un chirurgo. Ricci, dal canto suo, ha smentito più volte, ma la diceria resta ormai agli annali. Notoriamente sensibile alla bellezza femminile, Berlusconi ha del resto sempre avuto criteri molto precisi anche per le caratteristiche fisiche dei suoi collaboratori, da grande manager qual è. Ne fece le spese a suo tempo Rocco Palese, portato anche lui a Palazzo Grazioli da Raffaele Fitto. Anche in questo caso, secondo le indiscrezioni circolate sulla stampa, Berlusconi lo bocciò “per come si presenta e come parla”. Insomma, superare il casting dell'ex premier non è semplice. Ma ora, per Ricci, starebbe per venire il momento della vendetta...
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]