Le password della settimana: cos'è la destra, cos'è la sinistra

19 dicembre 2015 ore 8:00, Paolo Pivetti
Le password della settimana: cos'è la destra, cos'è la sinistra
È cronaca dell’altro ieri lo scompiglio portato nel panorama politico francese, e di riflesso in quello europeo, per il successo ottenuto da Marine e Marionne Le Pen al primo turno delle Regionali francesi. La conseguenza davvero peregrina fu che la Destra repubblicana, (Sarkozy) si è dovuta alleare con la Sinistra socialista (Hollande) per battere questa rampante Destra del Front National. Uno che venisse da un altro pianeta non capirebbe bene questa logica. Ma non sarebbe stato più razionale che le due Destre si alleassero per battere, anzi per stracciare, quella sola Sinistra scalcagnata, anziché vedere una Destra che si allea con la sinistrata Sinistra per battere un’altra Destra? Misteri inspiegabili di questa Terra, ormai giunta al dissesto.

Del resto, la confusione tra Destra e Sinistra non è una novità. Anche da un punto di vista semplicemente fisico, o per meglio dire, topografico. Per esempio, come si può vedere anche da ogni ripresa televisiva, quando si riuniscono queste assemblee legislative, siano esse Consigli regionali o Camera o Senato, in Francia come in Italia, la Destra sta a sinistra e la Sinistra sta a destra. Ma il punto di vista che conta non è quello dell’aula ma quello del presidente: cioè la Sinistra sta a sinistra del presidente, dunque a destra dell’Aula e la Destra sta a destra del presidente cioè a sinistra dell’Aula. E si deve proprio alla Francia questa inversione di ruoli, sin dai tempi dell’Assemblea costituente rivoluzionaria del 1789.
Si sappia però che a questa legge generale fa eccezione il Consiglio Comunale di Milano, dove la Sinistra sta a sinistra e la Destra sta a destra: anche qui, originalità del Rito Ambrosiano.
Su Destra e Sinistra si è scritto e detto molto. A far testo, oltre alle analisi degli storici di ogni scuola, è la canzone di Giorgio Gaber: “Ma cos’è la destra, cos’è la sinistra? / Fare il bagno nella vasca è di destra / far la doccia invece è di sinistra. / Io direi che il culatello è di destra / la mortadella è di sinistra; / se la cioccolata svizzera è di destra / la Nutella è ancora di sinistra; / i blue jeans che sono un segno di sinistra / con la giacca vanno verso destra / collant son quasi sempre di sinistra / il reggicalze è più che mai di destra; / la pisciata in campagna è di sinistra / il cesso è sempre in fondo a destra...” Pochi hanno tuttavia presente che Gaber si ispirò abbondantemente a un monologo di Flavio Bucci nel film “Maledetti vi amerò” di Marco Tullio Giordana (1980). Qui la riflessione era portata più in profondità: “I preliminari sono di sinistra, la penetrazione è di
autore / Paolo Pivetti
Paolo Pivetti
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]