Le primarie di Papa Francesco: "Trump? Chi alza muri non è cristiano"

19 febbraio 2016 ore 8:18, Adriano Scianca
Le primarie di Papa Francesco: 'Trump? Chi alza muri non è cristiano'
"Non mi immischio nella politica italiana", dice Papa Francesco sul volo di ritorno dopo la visita in Messico, ieri pomeriggio, a una domanda sulle unioni civili. Il passaggio del colloquio con Bergoglio che fa più discutere, però, non riguarda la politica italiana, bensì quella statunitense. Nell'occhio del ciclone, il solito Donald Trump, noto per le sue sparate contro l'immigrazione, ma anche per l'appello ai valori cristiani. Alla domanda se i cattolici americani debbano votare il candidato repubblicano, e in riferimento alla sua proposta di costruire 2500 km di muro lungo la frontiera, Francesco lancia la stoccata: "Una persona che pensa di fare i muri, chiunque sia, e non fare ponti, non è cristiano. Questo non è nel Vangelo. Non mi immischio: solo dico, questo uomo non è cristiano, se dice queste cose. Bisogna vedere se ha detto così oppure no. Su questo do il beneficio del dubbio". 

Il magnate americano ha però risposto duramente: “Tutti sanno che l’obiettivo ultimo dell’Isis è attaccare il Vaticano. E il Papa deve pregare che Donald Trump diventi presidente, perché così questo non accadrà”. Poi denuncia come il governo messicano lo abbia denigrato con il Papa, “che ha ascoltato solo una parte della storia. Non ha visto il crimine, il traffico della droga e l’impatto economico negativo che le attuali politiche hanno sugli Stati Uniti. Lo stanno usando come una pedina  e dovrebbero vergognarsi di farlo". Ma Trump ha anche detto: "Per un leader religioso mettere in dubbio la fede di una persona è vergognoso. Io sono orgoglioso di essere cristiano e come presidente non permetterò alla cristianità di essere continuamente attaccata e indebolita, proprio come sta avvenendo adesso, con l'attuale presidente americano".
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]