Un'altra esplosione per gas, questa volta a Biella ma la persona estratta viva

19 febbraio 2016 ore 10:59, Lucia Bigozzi
Un’esplosione. Terrore, feriti. A Sagliano Micca, nel Biellese, sono stati momenti di paura con la consapevolezza che poteva trattarsi di una strage. Il forte boato e poi la deflagrazione in una palazzina, forse a causa di una bombola di gas: è lo scenario di terrore che si è verificato nella cittadina e purtroppo, rappresenta l’ultimo episodio in ordine temporale di una casistica che si ripete. Il bilancio parla di quattro feriti, tra i quali il più grave è un trentenne trasferito in ospedale. Non destano preoccupazione, invece, le condizioni delle altre persone coinvolte nell’esplosione, probabilmente provocata, come detto, dallo scoppio di una bombola di gas. Questa, almeno, l’ipotesi avanzata dai vigili del fuoco che hanno eseguito l’intervento di soccorso e poi il sopraluogo tecnico per capire le modalità e le cause della deflagrazione. Che ha coinvolto anche gli edifici vicini, provocando una serie di danni anche alla vicina chiesa parrocchiale. Fortunatamente l’episodio è circoscritto, ma la portata dell’esplosione avrebbe potuto provocare una strage. Tutto è accaduto intorno alle 20 quando la maggiorparte delle famiglie della palazzina e del vicinato stavano cenando. La zona interessata è quella di via Roma, nel centro di Sagliano Micca dove vivono poco meno di duemila persone. 

Un'altra esplosione per gas, questa volta a Biella ma la persona estratta viva
Alcuni testimoni raccontano con poche parole la paura che per alcuni minuti ha pervaso tutti: “Abbiamo sentito i muri tremare, pensavamo al terremoto”, racconta un uomo che abita poco distante dal luogo dell’esplosione. Il trentenne che ha riportato le ferite più gravi è la persona che si trovava dentro la casa al momento dell’esplosione. Sono stati i vigili del fuoco ad estrarlo dalle macerie e a trarlo in salvo ma le operazioni sono state complesse e per liberarlo completamente c’è voluto quasi un’ora.  Il giovane era cosciente e rispondeva alle sollecitazioni degli operatori sanitari e dei vigili del fuoco. In seguito all’esplosione si è verificato un black out elettrico in gran parte della cittadina e molte famiglie, spaventate, sono corse a chiudere il gas. Attimi di paura, ma fortunatamente non c’è scappato il morto. 

autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]