Omicidio Mario Biondo: la moglie "famosa" sarà riascoltata dai magistrati siciliani

19 gennaio 2016 ore 11:40, intelligo
di Anna Paratore

Qualche mese fa, forse lo ricorderete, vi abbiamo raccontato del caso di Mario Biondo, il cameraman italiano morto in Spagna in circostanze ambigue e misteriose. Per chi non avesse presente, in breve, Mario Biondo era un giovane uomo di bellissimo aspetto, che durante uno show in Honduras conosce Raquel Sanchez Silva, che potremmo definire come la Simona Ventura della spagnola Telecinco. Lei è affascinante, ricca, famosa e un po’ più grande di lui. Mario è il classico trentenne che farebbe girare la testa a chiunque, anche grazie a modi di fare garbati e romantici. E’ colpo di fulmine e, in grande spolvero, i due si sposano a Taormina.

Dopo il viaggio di nozze di rito, vanno a vivere in Spagna e sembra proprio che tutto vada bene. Fino alla notte del 24 luglio 2013. “Mario è solo in casa. Secondo i frettolosi rilievi della polizia spagnola, telefona per tre volte a uno spacciatore, poi si avvolge una pashmina al collo, ne lega un capo a una libreria metallica presente nel salone di casa, e si impicca semplicemente flettendo le gambe perché Mario è alto, e la libreria non tanto, e quindi impiccarsi lì è un bel po’ complicato. Ma tant’è…”

Come vi abbiamo raccontato precedentemente, la morte di Mario arriva come un fulmine a ciel sereno. Ma mentre la famiglia catanese del giovane non si vuol dare pace né può accettare che si decida per un suicidio, la moglie del cameraman, la bella Sanchez Silva, viene accusata di essersi dimenticata presto del marito. Improvvisamente, con persone che le sono vicino, sostiene che Mario era depresso, pensava al suicidio e faceva uso di droga. Ma perché, allora, non confidarsi prima con la famiglia di lui, se non altro per chiedere un aiuto? Mistero, perché la Sanchez Silva nel frattempo ha anche deciso che non vuole più rapporti con la famiglia dell’ex marito. Soffre troppo, sostiene, e così si sbriga pure a vendere tutti gli oggetti di Mario, moto compresa.

Tra chiacchiere e stilettate, il caso Biondo andrebbe verso la chiusura se la famiglia di lui non si desse tanto da fare, al punto di ottenere un consistente aiuto dalla Procura d i Palermo. E infatti è di questi giorni la notizia che Raquel Sanchez Silva verrà di nuovo ascoltata dai magistrati siciliani, mentre i genitori del giovane continuano a sostenere che lei non sia stata sincera nelle deposizioni rilasciate fino ad ora. E in effetti, queste risultano anche un po’ in contrasto tra loro, con la conduttrice televisiva che una volta descrive un Mario depresso e prossimo al suicidio, consumatore di droghe pesanti, e un’altra sostiene che il marito stava benissimo, loro due volevano un bambino e tutto andava bene nella loro vita. Ma Santina D’Alessandro, mamma di Mario Biondo, ha già dimostrato di essere un osso duro. Così si è espressa al Gr1:” In quel periodo, Raquel era la persona più vicina a Mario ed è quella che durante il primo interrogatorio ha mentito su diversi passaggi relativi alla vita di mio figlio, anche sul suo computer. Ne siamo convinti dopo le nostre indagini". E ancora: “La sera in cui Mario morì, lui e Raquel avevano litigato. Dai tabulati telefonici che abbiamo ottenuto, risulta che dalle 9,30 all'una meno dieci ci sono esclusivamente chiamate di Mario verso Raquel e di Raquel verso Mario. Che avevano da dirsi a poche ore dalla morte di mio figlio?”

Dunque, la famiglia Biondo non ci sta e, per dovere di cronaca dobbiamo dire che non c'è stata ad arrendersi dal primo momento. Non basta. La famiglia di Mario ha mobilitato da subito un team di esperti che si è messa al lavoro ottenendo anche dei notevoli risultati. Ad esempio, dopo la riesumazione del corpo, due medici legali hanno confermato l'ipotesi di un possibile omicidio, evidenziando particolari a sostegno di questa tesi che non si possono trascurare. E la criminologa Roberta Bruzzone indaga e aiuta i familiari alla ricerca della verità. 

Dice l’avvocato della famiglia Biondo, Carmelita Morreale, “Molti organi che si diceva fossero stati esaminati dal medico legale spagnolo, in Italia dopo la riesumazione sono risultati intonsi. Altro elemento essenziale è stato il ritrovamento di una macchia scura sull'emisfero sinistro del cranio di Mario, che fa pensare a un colpo in testa". Il caso di Mario Biondo ha ancora parecchio da dire. E noi restiamo in ascolto…
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]