Unioni civili, Costanza Miriano: "Sono nervosi. Abbiamo smascherato il trucchetto del governo"

19 gennaio 2016 ore 13:04, Marco Guerra
“Le unioni civili sono inutili e dannose, servono solo al governo per dire che ha fatto qualcosa de sinistra come dice Moretti”. Intervistata da IntelligoNews, la giornalista e scrittrice, nonché membro del Comitato organizzatore del Family Day, Costanza Miriano parla della grande mobilitazione popolare che il 30 gennaio scenderà nelle strade di Roma per difendere il diritto dei bambini ad avere una padre e una madre, dell’atteggiamento delle gerarchie ecclesiastiche e della spaccature sempre più evidenti che stanno animando il dibattito politico sul ddl Cirinnà.

Riguardo al Family Day, Repubblica.it parla persino di via libera da parte del Papa, clima cambiato rispetto al 20 giugno?

“Sì, assolutamente sì. Ma a me la politica ecclesiastica non appassiona molto. Non mi spiegavo prima come non ci fosse stato un appoggio delle gerarchie ecclesiastiche, così come ora mi sembra scontata la posizione della Chiesa su questi temi. Io credo che sia solo una questione di metodo. Papa Francesco ha un’inculturazione diversa rispetto a quello a cui eravamo abituati. Anche la Chiesa come tutti i cuori ha un momento di contrazione e dilatazione. La Chiesa di Benedetto era una Chiesa identitaria, quella di Francesco tende ad aprire. Ma è solo una questione di metodo, Bergoglio tende a sottolineare quello che unisce. Io personalmente preferisco la cura dell’identità perché i ponti vanno bene, ma devono poggiarsi su due muri non sul vuoto. Oggi il mondo è talmente vuoto di punti di riferimenti che i ponti rischiano di non essere compresi".

In particolare a cosa si sta riferendo?

“Nel caso dell’omosessualità non significa dire che è tutto uguale. Bisogna dire che la tendenza omosessuale è oggettivamente disordinata, ma che tutti sono figli di Dio, che devono essere rispettati e che Dio perdona qualsiasi azione. Tuttavia bisogna dire che i matrimoni fra coppie dello stesso sesso non sono il vero bene dell’Uomo. Come dice Parolin questa è una sconfitta per l’umanità. Quello che sta al fondo delle unioni civili non sono i diritti. Ci
Unioni civili, Costanza Miriano: 'Sono nervosi. Abbiamo smascherato il trucchetto del governo'
mancherebbe non siamo in Iran, tutti possono vivere la loro vita sessuale liberamente. In realtà la battaglia per le unioni civili è per un riconoscimento culturale, si spera che legge cambi il modo di vedere delle persone”.

Si vuole cambiare il sentire del popolo?

“Esatto, infatti il grande merito di Mario Adinolfi è quello di aver smascherato il rischio dell’utero in affitto”.

E adesso il presidente Mattarella e la Consulta stanno alzando qualche dubbio di costituzionalità sul ddl Cirinnà…

“Questo è stato il merito di chi ha lottato finora per smascherare le bugie. Inizialmente quando andavo a dibattiti televisivi il gioco era far vedere una coppia gay dicendo che finalmente avrebbero potuto amarsi. Capisco che in passato ci sono state delle ferite che non voglio negare, ma non è più così. Al contrario oggi i ragazzi hanno bisogno di chiarezza”.

E anche i giuristi dicono che questa legge è scritta male…

“I giuristi non fanno giudizi morali, semplicemente ci ricordano che la Costituzione parla di famiglia fondata su un uomo e una donna. Le leggi devono stare in una cornice costituzionale, quindi se si vuole questa legge si deve prima cambiare la Costituzione. Ma come ha detto Bagnasco cambiare la Costituzione non è la priorità quando ci sono famiglie che fanno la fame”.

Certo ci sono famiglie che dormono in macchina, forse bisognerebbe pensare di più al welfare state?

“Ma infatti le unioni civili sono un’operazione di make up del governo per fare qualcosa “de sinistra” come dice Nanni Moretti. Poi qualcuno dovrebbe spiegarmi perché l’utero in affitto che è privilegio di pochi ricchissimi sia qualcosa di sinistra. Perché sfruttare donne povere è qualcosa di sinistra? Comunque rimane il fatto che serve a dare una patina di sinistra alle politiche del governo”.

Stanno arrivando consensi da settori che il 20 giugno rimasero a casa?

“Pubblicamente si percepiscono adesioni da tutte le anime del mondo cattolico, ma non solo. In piazza ci saranno tanti amici del rinnovamento e di CL. Abbiamo smascherato il trucchetto e questa cosa dell’utero in affitto solleva perplessità da tutte le parti”.

Anche nei talk televisivi è cambiata l’aria?

“Sì, sì percepisce tanto nervosismo dall’altra parte. Alba Parietti una volta disse “finalmente questi due giovani possono tenersi per mano in Tv”. Ecco ora non ci casca più nessuno. Quasi tutti sanno che questa legge vuole legittimare una sfruttamento, che già c’è stato, di una donna e la compravendita del suo bambino. Su questo punto si riesce a fare leva su tutta l’opinione pubblica”.

Ma non è solo la stepchild adoption, anche la questione della reversibilità. Allargare questo diritto a tutti alla fine porterà a garantirlo più a nessuno…

“Certo, perché allora io non posso lasciare la pensione ad un’amica con cui ho abitato e diviso le bollette? Come fanno a stabilire la natura della nostra unione? Una coppia dello stesso sesso ha valore solo se intrattiene rapporti sessuali? La reversibilità ha un senso perché spesso accade che una donna per crescere i propri figli si trova costretta a rinunciare al proprio lavoro, quindi è un diritto sacrosanto poterle garantire la pensione del marito qualora quest’ultimo venga a mancare. Ma stiamo parlando di una coppia aperta alla procreazione che ha fatto dei sacrifici per tirare su delle altre persone per il bene della collettività”.
autore / Marco Guerra
Marco Guerra
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]