Corona scarcerato, Bruzzone: "Ok, se c'è problema di salute. Ma non banalizzerei reati e indole"

19 giugno 2015, Adriano Scianca
La scarcerazione di Fabrizio Corona? Per la criminologa Roberta Bruzzone “se ci sono ragioni di salute è giusto così, ma i suoi crimini non vanno banalizzati”. E, intercettata da IntelligoNews, ribadisce: "Corona voleva far soldi facilmente a scapito di tutto o tutti. E questo, alla fine, si paga".

Corona scarcerato, Bruzzone: 'Ok, se c'è problema di salute. Ma non banalizzerei reati e indole'
Cosa pensa della decisione dei giudici?
 

«Ci sono ragioni di salute, quindi è sicuramente giusto così. Ma attenzione, la pena di Corona non è minimamente in discussione. Non c'è discussione sul punto, come ha ribadito anche la Cassazione». 

In molti, anche nel mondo dello spettacolo, l'hanno considerata una pena sproporzionata... 

«Attenzione: la pena finale di Corona è il frutto di una serie di reati che lui ha perseguito in modo reiterato e pervicace, il tutto per far soldi facilmente a scapito di tutto e tutti. La ciliegiona sulla torta, poi, ce l'ha messa lui, con il suo goffo tentativo di fuga». 

Il fatto che Corona sia un vip può aver influito? 

«Se non fosse stato un vip non sarebbe cambiato nulla. L'elenco dei reati è di tutto rispetto. Francamente non banalizzerei i reati di Corona né la sua indole particolarmente negativa. Ha fatto quello che ha fatto solo per far soldi. E questo, alla fine, si paga».
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]