Monti: caro collega ti scrivo...

19 luglio 2013 ore 17:54, Francesca Siciliano
Monti: caro collega ti scrivo...
L'Agi ha “sbagliato” e Libero ci ha inzuppato il pane. Secondo quanto riportato il 17 luglio dall'Agenzia Giornalistica Italia, all'interno di Scelta civica erano almeno in 20 i montiani  di Camera e Senato firmatari di un documento e pronti a dare il proprio sostegno a Matteo Renzi, qualora avesse voluto tentare la scalata alla premiership (tra l'altro messa a dura prova dall'affaire kazaco, che sembrava potesse far vacillare l'intero esecutivo di Enrico Letta) e magari anche ad andare contro le linee politiche promosse da Monti. Libero,ovviamente, ha infiorettato la situazione (probabilmente per confondere le acque e distogliere l'attenzione tanto da Alfano quanto da Calderoli) presentando il documento in questione come una vera e propria “scomunica” a Monti da parte dei suoi, vogliosi di veleggiare verso altri lidi e prendere le distanze tanto dal Pdl quanto dall'Udc di Casini.
Dapprima le smentite, ieri mattina, ad opera di quasi tutti i firmatari dati per certi dal quotidiano di Belpietro e dall'agenzie. Poi una lettera dello stesso Mario Monti, pubblicata sul sito ufficiale di Scelta civica, volta a mettere a tacere una volta per tutte la questione, per spiegare urbi et orbi, la realtà dei fatti. Il documento effettivamente c'è, non è un'invenzione. È il significato simbolico ad essere diverso rispetto alla lettura data di primo acchito. La richiesta dei firmatari è quella di rendere il partito più incisivo nel panorama politico e istituzionale italiano e ad essere più critico nei confronti del governo di Larghe Intese. Monti effettivamente non l'ha voluto sottoscrivere, ma solo perché  «i tempi e la modalità, a pochi giorni dalla Convention di Scelta Civica del 13 luglio, mi sembravano inadeguati a favorire una seria e matura discussione strategica. E che un'occasione migliore andasse ricercata a breve per approfondire, al nostro interno, riflessioni strategiche anche più ampie rispetto a quelle sollevate nel documento» sostiene nella lettera. Il dibattito, dunque, sarebbe dovuto essere intrapreso più in là. Probabilmente subito dopo aver risolto l'intrigo kazako. «Tuttavia, la pubblicazione del documento e la divulgazione di informazioni non veritiere  - continua - mi spingono ad anticipare il dibattito, che avrei preferito avvenisse in modo più ordinato e riservato, attraverso alcune prime considerazioni». E si spiega: l'obiettivo prioritario resta quello di «far uscire l'Italia dal marasma di immobilismo in cui rischia di impantanarsi, rinnovando strutture e modi di partecipazione alla politica». Sferra, poi, un colpo contro l'Agi: «Secondo l'AGI, uno di voi avrebbe detto: "Monti aveva cominciato a parlare con Renzi, poi ha deciso di stringere un patto con Letta". Cari Amici, io parlo con tutti coloro che mi sembrano interlocutori interessanti. Ma non stringo patti con nessuno». E sull'ipotesi di una particolare vicinanza (troppa secondo alcuni) a Renzi aggiunge: «Non tocca a noi prendere posizione sul ruolo di Matteo Renzi nelle dinamiche che riguardano il Pd. Se la sua azione si rivelerà utile per spingere il partito in una direzione liberale e riformatrice, ce ne rallegreremo, perché vorrà dire che avrà assimilato la visione economico-sociale che molti di noi hanno sostenuto e sviluppato per decenni». Confermato, dunque, l'appoggio «convinto e leale» ad Enrico Letta, ma senza «appiattirsi» sulle sue posizioni. Poi le conclusioni: «Quanto alle "spinte liberali" che, secondo l'agenzia, "stanno prendendo il sopravvento" nel Pd, auspichiamo che questo sia vero. Un'evoluzione di questo tipo avvicinerebbe il Pd alle posizioni di Scelta Civica e verosimilmente aiuterebbe il Governo Letta ad assumere un orientamento più marcatamente liberale. Analoga soddisfazione nutriremmo qualora forze presenti nel Pdl si avvicinassero alle posizioni che noi propugnamo nello sforzo comune di vedere l'Italia governata in modo da raggiungere la crescita e la giustizia sociale attraverso le indispensabili riforme».    
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]