Renzi nel Sacco(ni): quanto è a destra il premier?

19 settembre 2014 ore 11:20, Andrea De Angelis
Ci risiamo. Matteo Renzi viene accusato di essere di destra e riecheggia quel "solo a sinistra si possono fare le riforme di destra" con il quale venne polemicamente accolto l'ex sindaco di Firenze a Palazzo Chigi.  

Renzi nel Sacco(ni): quanto è a destra il premier?

  A scatenare sindacati, democratici e addirittura esponenti dell'opposizione (vedi Polverini) sono le parole incrociate di Sacconi e Fornero. Se infatti il primo ha ribadito l'urgente importanza di abolire l'articolo 18, l'ex ministro ha risposto in un'intervista al Corriere della Sera che un simile intervento non solo non è richiesto dall'Europa, ma appare come un regalo di Renzi ad Alfano.  Apriti cielo. "Quella sull'articolo 18 è una concessione a Renzi e al suo disegno politico. Trovarsi a destra della Fornero è un po' imbarazzante", ha detto pochi minuti fa Giuseppe Civati a Sky Tg 24. Il democratico ha ribadito come la posizione del Presidente del Consiglio non sia la stessa del partito: "Lui è in linea con Sacconi, noi no". Chi finirà nel sacco?  
Renzi nel Sacco(ni): quanto è a destra il premier?
    A rincarare la dose è Susanna Camusso: "L'articolo 18 è da sempre una bandiera della destra. Credo che Renzi stia usando la bandierina dell'articolo 18 perchè in Europa non è riuscito a strappare nulla sul piano delle politiche economiche e pensa di ottenere così maggiore flessibilità. Ma l'Europa è contro un mercato del lavoro duale, in Europa è il contratto a tempo indeterminato ad essere considerato lo standard". Ed è pronto un altro gelato. Infine le parole di Renata Polverini, intervistata da Il Garantista: "Temo che questo accanimento sia in parte un'ossessione di Sacconi che vive da anni una contrapposizione personale contro la Cgil, dall'altra Ncd non ha mai minacciato di uscire dal Governo se non in relazione al decreto Poletti e all'abolizione dell'art.18, ponendo su questo addirittura un ultimatum". Poi l'affondo: "Nei miei tanti anni di attività sindacale non ho mai conosciuto degli imprenditori che venivano frenati dall'assumere qualcuno perchè esisteva l'art.18 che lo tutelava e gli rendeva difficile licenziarlo". Chissà cosa penserà Brunetta...    
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]